Verónica Castro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Verónica Castro con il figlio Cristian

Verónica Judith Sáenz Castro (Città del Messico, 19 ottobre 1952) è un'attrice, cantante e presentatrice televisiva messicana, conosciuta a livello mondiale grazie alla celebre telenovela Anche i ricchi piangono (Los ricos también lloran, 1979).

È madre del cantante Cristian Castro e di Michel Castro nonché sorella del produttore di telenovelas José Alberto Castro. Ha iniziato la carriera come attrice di fotoromanzi e in televisione (facendo questo lavoro conobbe Manuel "El Loco" Valdés, padre del figlio Cristian) mentre conseguiva la laurea in relazioni internazionali.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Il suo primo assaggio di celebrità arrivò quando aveva solo sedici anni, con la pubblicazione di foto di nudo su Caballero, una rivista per uomini stampata a Città del Messico. Dopo l'apparizione in una serie di film e telenovelas, la sua carriera decollò nel 1979 con "Los ricos también lloran", dove interpreta la parte di una povera orfana. La telenovela in questione divenne un successo in America Latina, Spagna, Francia, Russia, Cina, nelle Filippine e anche in Italia. Due anni dopo interpretò il ruolo principale nell'adattamento a telenovela di "El derecho de nacer".

Dopo aver lavorato in Argentina agli inizi degli anni ottanta come protagonista delle telenovelas "Veronica el rostro del amor", "Cara a Cara" e "Il segreto di Jolanda" ("Yolanda Lujan", in Italia tradotto erroneamente con la "J" al posto della "Y"), Veronica sbarca in Italia come vedette del programma di Canale 5 Premiatissima (edizioni 1985 e 1986) e realizza la prima e a oggi unica telenovela italiana, "Felicità... dove sei", prodotta da Peruzzo per Rete A. Molte scene sono state girate presso la villa di Castellazzo di Bollate. A tale produzione partecipò Carlo Puntelli con le mansioni di responsabile della registrazione e qualità del prodotto.

Dopo un breve ritorno in Argentina nel 1986 per realizzare "Amor prohibido", la sua carriera ebbe un notevole rilancio internazionale nel 1987, quando interpretò in Messico il personaggio principale di "Rosa Salvaje", al fianco di Guillermo Capetillo. La canzone omonima tema della telenovela diventa uno dei suoi maggiori successi come cantante. Nel 1990 la Castro fu protagonista de "Mi pequeña Soledad", dove si trovava ad interpretare contemporaneamente sia una quarantenne, Isadora (Eleonora nella versione italiana), rimasta incinta dopo uno stupro e più tardi paralizzata a causa di un incidente d'auto, sia la figlia ventenne, Soledad appunto (Elisabetta nel nostro adattamento), frutto di quell'atto di violenza.

Durante gli anni novanta, dopo la poco fortunata novela in costume "Pueblo Chico Infierno grande" (inedita per la tv italiana), Verónica Castro si è dedicata principalmente alla conduzione di programmi di varietà, e da allora non ha mai smesso. Il figlio Cristian è un cantante idolo delle teenager in America Latina e negli Stati Uniti. Verónica e il padre di Cristian, Manuel Valdés, non si sono mai sposati; la vita privata dell'attrice è così diventata un succulento boccone per i paparazzi, i fotografi ed i giornalisti di gossip.

Tra i maggiori successi di Veronica come attrice cinematografica vi sono i film "Chiquita pero picosa", "Dios se lo pague" e "El nino y el Papa" (in Italia "Angelino e il Papa").

In patria, dopo la conduzione di alcune edizioni del Big-Brother VIP, in anni recenti ha ripreso a recitare, interpretando un episodio della serie "Mujeres Asesinas" (che in Italia va in onda in versione nostrana come "Donne Assassine" su Fox Crime); nel 2009 è tornata alle telenovelas nel ruolo di Roberta Santos in "Los exitosos Perez" al fianco dell'attore Rogelio Guerra, riformando così dopo ben 30 anni la coppia protagonista di "Los ricos también lloran".

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha avuto frequentazioni con Adolfo Ángel del gruppo Los Temerarios e con l'attore Omar Fierro. Da sempre esiste una rivalità, per lo più creata dai mass media, tra Veronica e l'altra star delle telenovelas messicane anni ottanta Lucía Méndez. Di fatto tra le due attrici vi è un rapporto normale, ognuna ha proseguito con la sua carriera ottenendo, da parte del pubblico, pari riconoscimenti.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • La recogida (1972)
  • Cuando quiero llorar no lloro (1972)
  • La fuerza inútil (1972)
  • El arte de engañar (1972)
  • El ausente (1972)
  • Un sueño de amor (1972)
  • Bikinis y rock (1972)
  • Mi mesera (1973)
  • Novios y amantes (1973)
  • Volveré a nacer ruolo: María (1973)
  • El primer paso... de la mujer (1974)
  • Acapulco 12-22 (1975)
  • Guadalajara es México (1975)
  • Nobleza ranchera (1977)
  • Angelino e il Papa (El niño y el Papa) ruolo: Alicia/Guadalupe (1979)
  • Nana (1979)
  • Johnny Chicano (1981)
  • Navajeros ruolo: Toñi (1981)
  • Chiquita pero picosa ruolo: Florinda Benitez/Flor (1986)
  • El ausente (1989)
  • Dios se lo pague (1990)

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Telenovelas[modifica | modifica sorgente]

Trasmissioni televisive[modifica | modifica sorgente]

  • Operación Ja Ja (1966)
  • Revista musical (1971)
  • Revista musical Nescafe (1972)
  • Sábado '72 (1972)
  • Muy agradecido (1975)
  • Noche a noche (1980)
  • Esta noche se improvisa (1984)
  • Algo muy especial de Verónica Castro (1986)
  • Aquí está (1989)
  • Mala noche... ¡no! (1989)
  • La movida (1991)
  • ¡Y Vero América va! (1992)
  • En la noche (1994)
  • La tocada (1996)
  • Big Brother VIP (2002)
  • Big Brother VIP 2 (2003)
  • Big Brother VIP 3 (2004)
  • Big Brother 3R (2005)
  • Big Brother VIP 4 (2005)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sensaciones (1978)
  • Aprendí a Llorar (1979)
  • Norteño (1980)
  • Cosas de Amigos (duetti con Cristian Castro) (1981)
  • El Malas Mañas (1982)
  • Sábado en la Noche Tiki-Tiki (1982)
  • También Romantica (1983)
  • Hermano Cantaré, Cantarás (La Lambruna de Africa, duetti, disco per beneficenza) (1985)
  • Esa Mujer (1986)
  • Simplemente Todo (1986)
  • Maxi Disco (El Remix de Macumba) (1986)
  • Reina de la Noche (1987)
  • Maxi Disco (versione disco di Reina de la Noche) (1988)
  • Mamma Mia (1988)
  • Viva La Banda (1990)
  • Mi Pequeña Soledad (1990)
  • Solidaridad (duetti, disco per beneficenza) (1990)
  • Rap de La Movida (1992)
  • Románticas Y Calculadoras (1992)
  • Vamonos al Dancing (1993)
  • La Mujer del Año (in teatro) (1995)
  • De Colección (1996)
  • La Tocada (1997)
  • Ave Vagabundo (1999)
  • Imágenes (2002)
  • Por esa Puerta (2005)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 78367190