Vento di ponente (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vento di ponente
Vento di ponente.jpg
Paese Italia
Anno 2002
Formato serie TV
Genere drammatico
Stagioni 2
Episodi 31
Durata 100 min
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Interpreti e personaggi
Prima visione

Vento di ponente è il format italiano della fiction olandese Westenwind. La serie, prodotta da Rai Fiction - Endemol Italia, è divisa in 2 stagioni. La prima conta 13 episodi, mentre la seconda 18 episodi, della durata che varia da 100 a 110 minuti ciascuno, il tredicesimo episodio ha sfiorato i 113 minuti.

La prima serie, regia di Gianni Lepre e Alberto Manni, è stata trasmessa dal 23 gennaio 2002 all'11 aprile 2002 in prima serata su Rai 2, mentre la seconda serie, regia di Alberto Manni e Ugo Fabrizio Giordani, è stata trasmessa a cavallo del 2003 e del 2004.

La genesi della prima serie[modifica | modifica sorgente]

La serie narra le vicende di due famiglie genovesi, che detengono cantieri navali: i Ghiglione e i Decaro. La prima, guidata da Sebastiano Ghiglione, che è in crisi con sé stesso (causa lavoro e famiglia). L'altra guidata da Giacomo Decaro, insieme alle idee creative ed innovative del figlio Marco da sempre innamorato di Francesca Ghiglione. Tra i due nascerà un amore che sarà ostacolato da entrambe le famiglie e da vari personaggi marginali.

Trama prima serie[modifica | modifica sorgente]

Ritornato dall'Oceano Indiano, Marco Decaro trova i cantieri di famiglia a rischio fallimento. Suo padre, Giacomo, è intenzionato a venderli nonostante i pareri negativi della famiglia. I cantieri Ghiglione passano da Emma a Sebastiano, suo figlio, mentre il ruolo di direttore dei cantieri se lo contendono Guido Mandelli, abile ingegnere e promesso sposo a Francesca Ghiglione, e Paola Ghiglione, figlia di Sebastiano e di Sofia.

La genesi della seconda serie[modifica | modifica sorgente]

Negli anni '70, come racconterà un frate, la famiglia Ghiglione rimarrà coinvolta in un incendio a dei capannoni, voluto da contrabbandieri che si distinguevano con appellativi come "il lama" e "il prete". Ma qui vi perderanno la vita molti operai. Per non far cadere tutte le responsabilità sulla famiglia, il vecchio Sebastiano Ghiglione decide di sacrificarsi e facendo capire a tutti che è morto. In realtà, egli ha deciso di vivere la sua vita nel segno dell'ubbidienza e della povertà.

Trama seconda serie[modifica | modifica sorgente]

A Genova, le cose sono cambiate: i Ghiglione, con Paola al comando dei cantieri, sono in crisi. Francesca è partita per gli States. Sebastiano si sta rifacendo una vita nuova, lontano dalla moglie, Sofia, che sta cadendo sempre più nella strada dell'alcool. Mentre i Decaro portano avanti i loro lavori, con l'intento di Marco di farli espandere. Ma a Genova è tempo di arrivi: da una parte il ritorno dell'ingegner Guido Mandelli, dall'Argentina, e da un lato la figura misteriosa di Alberto Cortesi, pronto a prendersi i cantieri Ghiglione e riuscirà a entrare nella loro vita con un progetto ambizioso di una petroliera.

Puntate[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 13 2002
Seconda stagione 18 2003-2004

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

Lo share medio ottenuto dalla prima serie è stato del 13% con una punta nell'episodio finale che ha raggiunto la media del 15,17% di share e 4 milioni di ascoltatori. La seconda serie non ha riscontrato particolare successo, conquistando in media di 2 milioni di telespettatori con l'8% circa di share.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]