Ventesimo dirottatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine "ventesimo dirottatore" è stato spesso utilizzato dai mass media occidentali per indicare un potenziale candidato ad entrare nel gruppo dei dirottatori che hanno preso parte agli attentati dell'11 settembre 2001, ma che non è stato poi in grado di prendervi parte.

Sebbene la locuzione possa apparire come una semplificazione giornalistica, le indagini condotte hanno dimostrato che sono esistiti dei margini - sebbene poi rivelatisi impraticabili per al-Qāʿida - per la presenza di almeno un ulteriore terrorista.

Il progetto originario dell'attentato prevedeva l'impiego di 25 o 26 dirottatori, suddivisi in gruppi di 4-6 per aereo. In seguito a problemi di varia natura però, l'organico dell'operazione scese infine a 19 dirottatori. Alcuni dei soggetti reclutati per l'operazione infatti si fecero volontariamente da parte, ebbero problemi ad ottenere il visto per gli Stati Uniti oppure furono scartati durante le selezioni.[1]

La Commissione ha stabilito che anche Tawfiq bin Attash, ʿAlī ʿAbd al-ʿAzīz ʿAlī e Zakariya al-Sabbar provarono ad ottenere un visto per gli Stati Uniti, ma - come molti aspiranti terroristi - senza successo.[2]

I principali sospettati[modifica | modifica wikitesto]

Ramzi bin al-Shibh[modifica | modifica wikitesto]

Ramzi bin al-Shibh, yemenita, è l'unico componente della cosiddetta "cellula di Amburgo" a vedersi rifiutata la richiesta di visto per gli Stati Uniti. I suoi quattro tentativi sono stati probabilmente frustrati dai sospetti generalizzati verso i giovani cittadini yemeniti, che in larga parte restano negli Stati Uniti da clandestini in cerca di un lavoro.[3]

Ramzi bin al-Shibh assume così il ruolo di uomo di collegamento fra Khalid Shaykh Muhammad e Mohamed Atta, non potendo rivestire quello di pilota - assegnato invece al saudita Hani Hanjour.[4] Nel luglio 2001, Ramzi bin al-Shibh si reca in Spagna per concordare definitivamente con Atta tutti gli aspetti dell'attentato, tranne la data che sarebbe stata comunicata più in là.[5]

Zakariya Musawi[modifica | modifica wikitesto]

Zakariya Musawi, francese di origine marocchina, è stato a lungo considerato un potenziale sostituto del libanese Ziad Jarrah (poi pilota del volo United Airlines 93). Questi, intorno a metà luglio 2001, si è più volte lamentato dei dissapori avuti con Mohamed Atta (il pilota del volo American Airlines 11) e di sentirsi di fatto escluso dai processi decisionali dell'operazione, paventandone l'abbandono.[6]

Khalid Shaykh Muhammad incarica dunque Binalshibh di cercare di mediare fra Jarrah e Atta e contemporaneamente di finanziare l'addestramento di Musawi, in caso di abbandono da parte di Jarrah.[6] L'aspirante terrorista viene però arrestato il 16 agosto 2001 con l'accusa di aver violato le leggi statunitensi sull'immigrazione.[7]

Successivamente Khalid Shaykh Muhammad ha affermato di aver voluto destinare Musawi a una "seconda ondata" di attacchi, anche se la Commissione sull'11 settembre ha espresso dubbi su questa ipotesi. Binalshibh ha invece sostanzialmente confermato la scelta di Musawi come sostituto di Jarrah, ipotizzando che bin Laden in persona lo avesse scelto per quel ruolo.[7]

Muhamad al-Qahtani[modifica | modifica wikitesto]

Muhamad Mani Ahmad al-Qahtani, saudita, è l'ultimo dei candidati terroristi ad essere stato inviato negli Stati Uniti, ai primi di agosto 2001.[8] Arriva all'Orlando International Airport in possesso di un visto turistico, ma viene respinto alla dogana. Avrebbe dovuto essere il quinto dirottatore del volo United Airlines 93.[9]

In seguito all'insuccesso, ritorna in Afghanistan. Viene catturato sul confine fra Afghanistan e Pakistan, dopo la battaglia di Tora Bora. Nel febbraio 2002, viene tradotto alla base di Guantanamo, dove ancora oggi è detenuto.[10]

Gli altri potenziali dirottatori[modifica | modifica wikitesto]

Khalid al-Zahrani[modifica | modifica wikitesto]

Khalid Sa'id Ahmad al-Zahrani, saudita, risulta aver frequentato i campi di addestramento in Afghanistan, nonostante gli fosse stato proibito dalle autorità di lasciare l'Arabia Saudita. Viene assegnato ad una "missione" negli Stati Uniti (molto probabilmente gli attentati dell'11 settembre), ma non riesce ad ottenere un visto per l'espatrio poiché il suo nome risulta inserito nella blacklist dell'Ambasciata statunitense.[8]

al-Zahrani viene incaricato da Khalid Shaykh Muhammad di contattare Mushabib al-Hamlan e farlo ritornare in Afghanistan, ma senza successo. Attualmente è detenuto nella base di Guantanamo.[8]

Ali al-Ghamdi[modifica | modifica wikitesto]

Ali Abd al-Rahman al-Faqasi al-Ghamdi (alias Abū Bakr al-Azdī), saudita, è stato in un primo momento coinvolto nell'operazione. Successivamente però, è stato tenuto come riserva da Osama bin Laden in persona per una operazione successiva e molto più grande. Ha combattuto in Cecenia, trasferendosi successivamente in Afghanistan. Attualmente è detenuto nella base di Guantanamo.[8]

Sa'id al-Baluchi e Qutayba al-Najdi[modifica | modifica wikitesto]

Sa'id al-Baluchi e Qutayba al-Najdi, entrambi sauditi, sono stati in un primo momento reclutati per l'operazione e rimandati in patria perché chiedessero un visto per entrare negli Stati Uniti. I due fanno scalo in Bahrein, dove al-Najdi viene fermato e brevemente interrogato dagli ufficiali di sicurezza. Impauriti dall'esperienza, decidono il giorno stesso di abbandonare l'operazione.[8]

Khalid Shaykh Muhammad cerca di convincere al-Baluchi a chiedere comunque il visto, ma al-Baluchi rifiuta per paura di essere inserito nella lista dei nominativi controllati dall'Ambasciata statunitense.[8]

Zuhayr al-Thubayti[modifica | modifica wikitesto]

Zuhayr al-Thubayti, saudita, ha più volte ammesso la propria appartenenza ad al-Qāʿida, affermando "orgogliosamente" di essere stato scelto personalmente da bin Laden. È stato però successivamente scartato perché considerato troppo nervoso e privo del necessario temperamento.[11]

Sa'id Abd Allah al-Ghamdi[modifica | modifica wikitesto]

Sa'id Abd Allah Sa'id al-Ghamdi, saudita e quasi omonimo di Sa'id al-Ghamdi (uno dei dirottatori del volo United Airlines 93), arriva in Afghanistan nel marzo del 2000 e si offre per una missione suicida. Mandato in Arabia Saudita da Khalid Shaykh Muhammad assieme ad Ahmad al-Haznawi (un altro dei dirottatori del volo UA93) perché ottenesse il visto, non vi riesce e viene escluso dal piano.[12]

Sa'ud al-Rashid[modifica | modifica wikitesto]

Sa'ud al-Rashid, saudita, viene descritto come "testardo ed immaturo" da Khalid Sheikh Mohammed. Viene anche lui rimandato in patria per ottenere un visto per gli Stati Uniti, ma Mohammed rivela di aver successivamente perso i contatti con lui, ipotizzando un ripensamento o il sequestro del passaporto da parte della famiglia.[12]

Alcune fototessera di al-Rashid e di altri tre dirottatori (al-Hazmi, al-Midhar e al-Umari) sono state trovate durante un'irruzione a Karachi (Pakistan) nel maggio del 2002. Dopo la scoperta di queste foto, al-Rashid si consegna spontaneamente alle autorità saudite ma viene immediatamente rilasciato.[12]

Interrogato dalla Commissione sull'11 settembre, ha ammesso di essersi addestrato in Afghanistan. Tuttavia, afferma di non aver sentito parlare di al-Qāʿida prima di tornare in patria e di non aver mai incontrato bin Laden, Mohammed o uno dei dirottatori dell'11 settembre. Ammette solo di aver visto una o due volte Ahmad al-Haznawi in una locanda. al-Rashid non riesce però a dare alcuna credibile spiegazione del ritrovamento delle sue foto assieme a quelle dei tre dirottatori, né del perché altri sospettati lo indichino come un potenziale candidato.[12]

Mushabib al-Hamlan[modifica | modifica wikitesto]

Mushabib al-Hamlan, saudita, arriva in Afghanistan intorno a marzo-aprile del 2000. Dopo un periodo di addestramento, si candida per una missione suicida assieme ad Ahmed al-Nami (che diventerà uno dei dirottatori del volo United Airlines 93).[12]

Nell'ottobre del 2000, lui e al-Nami vengono rimandati in Arabia Saudita, sotto la supervisione di Walid al-Shehri (poi dirottatore del volo American Airlines 11), per ottenere il visto per gli Stati Uniti. Una volta ottenuto, al-Hamlan inizia ad avere dei dubbi e cerca di prendere tempo, insistendo nel chiamare la propria famiglia prima di tornare in Afghanistan.[12]

al-Hamlan decide definitivamente di non tornare più in Afghanistan dopo aver saputo da suo fratello che sua madre si era ammalata. Per evitare problemi, racconta di aver combattuto in Cecenia e straccia il visto dal proprio passaporto.[12] Mohammed cerca di convincere al-Hamlan a tornare, attraverso al-Zahrani, ma senza successo.[13]

Abd al-Ra'uf Jdey[modifica | modifica wikitesto]

Abd al-Ra'uf Jdey (alias Faruq al-Tunisi), tunisino con passaporto canadese, si è probabilmente addestrato in Afghanistan con i futuri dirottatori Khalid al-Midhar e Nawaf al-Hazmi. Una lettera attribuita a tale Sayf al-Adl e una sorta di video-testamento di Jdey sono stati trovati fra le macerie della casa di Mohammed Atif, distrutta in un raid aereo statunitense del novembre 2001 vicino Kabul.[13]

Sia Binalshibh che bin Attash confermano l'affiliazione di Jdey ad al-Qāʿida. Mohammed ha affermato che Jdey avrebbe dovuto far parte di una "seconda ondata" di attacchi, ma nell'estate del 2001 Jdey ha rinunciato a parteciparvi.[13]

Le rivendicazioni di al-Qāʿida[modifica | modifica wikitesto]

Fawaz al-Nashimi[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 giugno 2006, appare su Internet un messaggio di un gruppo islamico che si proclama affiliato ad al-Qāʿida. Il messaggio afferma che il ventesimo dirottatore avrebbe dovuto essere Fawaz al-Nashimi (alias Turki b. Fuhayd al-Mutayri), saudita. Il messaggio recita testualmente:[14]

« Turki b. Fuhayd al-Mutayri - possa Allah accettarlo come martire - [è stato] il prescelto dallo Shaykh Osama bin Laden per diventare l'aspirante martire numero venti nell'incursione dell'11 settembre 2001. [...] Il fratello Zakariya Musawi non ha nulla a che fare con gli attentati dell'11 settembre 2001, come lo Shaykh Abi Abd Allah [bin Laden, ndr] ha riferito nel suo ultimo messaggio. »

al-Nashimi/al-Mutayri non è stato in grado di prendere parte agli attacchi, secondo quanto affermato dal gruppo, "per varie cause che il fratello Mohamed Atta ha spiegato alle guide generali, tramite il fratello Ramzi bin al-Shibh".[14]

Il 21 giugno 2006, il Governo statunitense pubblica il video-testamento di al-Nashimi. Egli stesso conferma di essere stato scelto come ventesimo dirottatore:[15]

« Io sono il responsabile dei 19 fratelli e non ho mai assegnato al fratello Zakariya di essere con loro in quella missione. »

Il Governo statunitense ha preferito non commentare l'autenticità delle rivendicazioni. al-Nashimi ha successivamente guidato il massacro di al-Khobar del 29 maggio 2004, scampando al contrattacco delle forze di sicurezza saudite ma rimanendo ucciso in una successiva sparatoria verificatasi pochi giorni dopo.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 235.
  2. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 564.
  3. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, p. 168.
  4. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, p. 225.
  5. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pp. 244-245.
  6. ^ a b (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 246.
  7. ^ a b (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 247.
  8. ^ a b c d e f (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 525.
  9. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 11.
  10. ^ (EN) Guantanamo provides valuable intelligence information, U.S. Department of Defense - Office of the Assistant Secretary of Defense (Public Affairs), 12 giugno 2005.
  11. ^ (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pagg. 525-526.
  12. ^ a b c d e f g (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 526.
  13. ^ a b c (EN) National Commission on Terrorist Attacks Upon the United States, Final Report, pag. 527.
  14. ^ a b (EN) Web site: Al Qaeda IDs 20th 9/11 hijacker, CNN, 13 giugno 2006.
  15. ^ a b (EN) 'Al-Qaeda video' of 20th hijacker, BBC News, 21 giugno 2006.