Venta Icenorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Venta Icenorum era la civitas (città)[1] e capitale della potente e indipendente tribù degli Iceni, che visse nell'odierna area di Norfolk e che si ribellò due volte al dominio romano, la seconda sotto la guida della regina Budicca nel 61 d.C.

Venta Icenorum è menzionata da Claudio Tolomeo[2], come città icena di Venta Icenorum, dalla Cosmografia ravennate,[3] e dall'Itinerario antonino,[4], dove è indicato come un insediamento nei pressi del villaggio di Caister Saint Edmunds, circa 5 miglia a sud dell'odierna Norwich.

Venta fu ridotta a circa 40 acri dopo la rivolta di Budicca.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tolomeo, Geografia 2.2
  2. ^ Tolomeo, Geografia 2.2
  3. ^ Cosmografia ravennate (British section)
  4. ^ Itinerario antoniniano (British section)
  5. ^ www.roman-britain.org

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia