Veneto Banca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Veneto Banca S.c.p.a.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società cooperativa
Fondazione 1877 a Montebelluna
Sede principale
  • Sede legale: Piazza Dall’Armi, 1 – 31044 Montebelluna
  • Centro Direzionale: Via Feltrina Sud, 250 – 31044 Montebelluna
Persone chiave
Settore Gruppi bancari
Dipendenti 6.208 (2013)
Note 587 sportelli (2013)
Sito web www.venetobanca.it

Veneto Banca è un istituto di credito italiano, con sede a Montebelluna, in provincia di Treviso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo storico dell'odierna Veneto Banca è rappresentato dalla Banca Popolare di Montebelluna, fondata nel 1877.

Nel 1966, dalla fusione con la Banca Popolare del Mandamento di Asolo, nasce la Banca Popolare di Asolo e Montebelluna.

A seguito dell’acquisizione della Banca di Credito Cooperativo del Piave e del Livenza nel 2000, la Banca assume la denominazione di Veneto Banca.

Inizia per Veneto Banca una fase di intenso sviluppo, caratterizzata da una serie di acquisizioni: la Banca Italo Romena nel settembre del 2000 e la Banca di Bergamo nell'aprile 2001.

La struttura è completata da una serie di società controllate ed operanti nei vari settori contigui all'attività bancaria: Claris Factor (1990), Claris Assicurazioni (1998), Veneto Ireland Financial Services (1999), Claris Broker (2000) e Claris Leasing (2001).

Nel dicembre 2002 Veneto Banca crea Banca Meridiana, con l'acquisto di alcuni sportelli dell'ex Banca Mediterranea presenti in Puglia e Basilicata.

A febbraio 2005 viene acquistata Banca del Garda, istituto operante nelle aree venete contigue all'omonimo lago e incorporata in Veneto Banca nel 2007. Numerose le partecipazioni societarie. Tra le più importanti, quelle in: Cofito - Compagnia Finanziaria Torinese, holding del Gruppo BIM - Banca Intermobiliare, con cui vara un progetto di partnership nel private banking e nel wealth management; nella merchant bank Palladio Finanziaria; in Sintesi 2000, specializzata nella consulenza per l'internazionalizzazione delle imprese, con sede a Milano e uffici a Hong Kong e Shanghai.

Nel 2006 la crescita di Veneto Banca torna a dirigersi verso i Paesi dell'Europa orientale: viene acquisito il controllo di Eximbank, un istituto di credito nella Repubblica Moldava e di Gospodarsko Kreditna Banka - poi ribattezzata Veneto Banka - in Croazia.

Nel 2007 avviene l'acquisizione della Banca Popolare di Intra e delle sue controllate Banca Popolare di Monza e Brianza ed Intra Private Bank. Veneto Banca oltrepassa la soglia dei 300 sportelli.

A inizio 2008 la Banca si riorganizza: la capogruppo Veneto Banca Scpa diviene Veneto Banca Holding.

La rete commerciale viene suddivisa in quattro piattaforme, affidate ai diversi istituti controllati: Veneto Banca s.p.a. a presidio del Nord Est; Banca Popolare di Intra s.p.a., che ha incorporato Banca Popolare di Monza e Banca di Bergamo, nel Nord Ovest; Banca Meridiana s.p.a. nel Sud Est; le banche estere nell'Europa Orientale (Banca Italo Romena in Romania, Eximbank in Moldavia, Veneto Banka Croazia e Veneto Banka Albania).

Nel 2010 Veneto Banca porta a termine due nuove acquisizioni: quella di Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana (operativa nelle Marche, in Umbria e a Roma) e quella di Banca Apulia (con filiali in Puglia, Basilicata, Campania, Molise, Abruzzo, Marche e a Roma), nella quale incorpora Banca Meridiana.

Sempre nel 2010, Veneto Banca sigla un accordo con Co.fi.to. che la porterà a controllare Banca Intermobiliare tramite un'offerta pubblica di acquisto amichevole sulle azioni della stessa; un’operazione che porta il Gruppo Veneto Banca ad essere una delle prime 12 realtà bancarie italiane per masse amministrate.

A seguito delle ultime acquisizioni, la Banca si riorganizza articolando la propria presenza nel territorio italiano su tre poli: la capogruppo Veneto Banca al Nord, Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana al Centro e Banca Apulia al Sud.

Nel 2011 la Capogruppo cambia la denominazione sociale da Veneto Banca Holding S.c.p.A a Veneto Banca S.c.p.A.

Viene perfezionata la fusione di Co.fi.to in Veneto Banca ed il conseguente acquisto da parte di quest'ultima del controllo di Banca Intermobiliare d'Investimenti e Gestioni e Banca Ipibi Financial Advisory.

Nel 2012 si completa il processo d'integrazione del Gruppo Banca Intermobiliare e si dà seguito al programma di semplificazione della struttura societaria del Gruppo Apulia.

Si avvia il riassetto organizzativo relativo alla presenza in Romania, con il trasferimento a Banca Italo Romena della controllata Italo Romena Leasing, che cambia denominazione sociale in Monteverde Consulting.

Nel 2013 Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana viene fusa in Veneto Banca, divenendo la Direzione Territoriale della capogruppo a presidio del Centro Italia.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo Veneto Banca al 31 dicembre 2013 può contare su una rete di 587 filiali, un organico di 6.208 dipendenti ed un azionariato costituito da 75.708 soci.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]