Vendita diretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La vendita diretta è solitamente la promozione di beni o servizi esercitata da venditori quali agenti di commercio o procacciatori d'affari, presso clienti finali, siano essi privati o aziende al fine di raccogliere ordinativi e concludere vendite.

In Italia, in particolare, la vendita diretta a domicilio è disciplinata dalla legge n. 173/2005 e successive modifiche del codice civile per la promozione e distribuzione di prodotti e servizi al consumatore finale tramite la raccolta di ordinativi di acquisto generalmente presso il domicilio del consumatore e comunque fuori dagli esercizi commerciali da parte di imprese che si avvalgono di incaricati alla vendita.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa professione, i cui antesignani sono certamente gli antichi mercanti nomadi e successivamente i venditori ambulanti, affonda le proprie radici nella storia del commercio stesso. Chi mette in pratica questa affascinante attività solitamente è dotato di un'elevata predisposizione ai rapporti umani ed empatia positiva, inoltre segue adeguate regole comportamentali e di marketing soggette a continui studi e rinnovamento per cercare di offrire ai venditori tecniche di vendita efficaci.

La vendita diretta è il più antico modello di proposta di beni e servizi ed è praticata in tempi moderni principalmente attraverso due modalità:

- il porta a porta (door to door), che consiste nella presentazione di prodotti o servizi da parte di un venditore che si muove su un determinato territorio per raggiungere ogni singolo potenziale cliente

- la vendita per riunione (party plan), in cui la presentazione dell’incaricato è rivolta a un gruppo di potenziali clienti riuniti presso l’abitazione di un’ospite, che si attiva per invitare e ricevere i partecipanti

Il primo metodo, come abbiamo detto, intuitivamente ha origini antiche ed è la soluzione più efficace per la promozione di beni o servizi ad elevato valore, poiché consente capillarità nel raggiungere ogni potenziale cliente, massima selezione di reali potenziali clienti, possibilità di vendita mediamente migliore di qualunque altro sistema applicabile in rapporto agli investimenti economici, considerato anche che solitamente l'incaricato viene pagato in percentuale ai fatturati di vendita ottenuti.

Il secondo metodo, per quanto empiricamente già applicato nell'antichità, è stato teorizzato ed applicato in modo scientifico dalla famosa venditrice americana Brownie Wise che sfruttando questa tecnica, oggi applicata in varie forme da moltissime aziende in tutto il mondo, determinò nella sua epoca il rilancio commerciale e l'ascesa dell'azienda Tupperware di cui divenne addirittura vice-presidente.

L’attività di incaricato alla vendita diretta può essere svolta in Italia anche come procacciatore occasionale, lavoro atipico temporaneo eseguibile potenzialmente da chiunque desideri poi diventare un procacciatore d'affari o un agente di commercio con partita IVA. Esistono vincoli, limiti e regole anche per i procacciatori occasionali e per questo, generalmente, le aziende che li ingaggiano, offrono corsi di formazione gratuiti per prepararsi a svolgere con successo questa attività, perché etica e professionalità sono alla base del rapporto diretto che si viene a instaurare con i consumatori. Purtroppo l'oggettiva difficoltà d'esecuzione di questa logorante attività, comporta solitamente un elevato turn over, ovvero alto numero di abbandoni da parte di aspiranti venditori e conseguente ricambio e rinnovo continuo all'interno di ogni rete di vendita, soprattutto in quelle più grandi e strutturate.

Inoltre il crescente ricorso a queste modalità di vendita, particolarmente efficaci e convenienti per le aziende, ne ha potuto determinare, in particolari momenti storici ed aree geografiche, la progressiva inflazione e contingente de-professionalizzazione, causando fastidio e insofferenza di potenziali clienti che hanno talvolta potuto incorrere in proposte commerciali inadeguate, con modalità inappropriate o addirittura ai limiti della legalità, tali da risultare occasionalmente ingannevoli, causando alle aziende mandanti danni economici e d'immagine anche elevati, con esempi clamorosi riportati nelle cronache di tutto il mondo. Queste problematiche possono arrecare danno non solo alla credibilità delle aziende promosse riducendo l'affezione dei consumatori ai loro marchi commerciali, ma anche all'onorabilità degli agenti di commercio e degli altri seri professionisti della vendita diretta, impegnati ogni giorno a creare valore sui prodotti e servizi trattati attivando relazioni economiche virtuose.

In Italia esistono due associazioni di categoria, Avedisco, nata nel 1969 e Univendita costituita nel 2010, che raggruppano e tutelano gli interessi di aziende, che promuovono prodotti e servizi attraverso la vendita diretta a domicilio.

1. Riportiamo un estratto della legge italiana che regolamenta la vendita diretta a domicilio attraverso personale incaricato:

a) per "vendita diretta a domicilio", la forma speciale di vendita al dettaglio e di offerta di beni e servizi, di cui all'articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.114, effettuate tramite la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio del consumatore finale o nei locali nei quali il consumatore si trova, anche temporaneamente, per motivi personali, di lavoro, di studio, di intrattenimento o di svago;

b)  per "incaricato alla vendita diretta a domicilio", colui che, con o senza vincolo di subordinazione, promuove, direttamente o indirettamente, la raccolta di ordinativi di acquisto presso privati consumatori per conto di imprese esercenti la vendita diretta a domicilio;

c)  per "impresa" o "imprese", l'impresa o le imprese esercenti la vendita diretta a domicilio di cui alla lettera a).

2.  Le disposizioni della presente legge, ad eccezione di quanto previsto dagli articoli 5, 6 e 7, non si applicano alla offerta, alla sottoscrizione e alla propaganda ai fini commerciali di:

a) prodotti e servizi finanziari;

b) prodotti e servizi assicurativi;

c)  contratti  per  la costruzione, la vendita e la locazione di beni immobili.

Voci correlate [modifica | modifica sorgente][modifica | modifica wikitesto]

Fonti esterne [modifica | modifica sorgente][modifica | modifica wikitesto]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia