Vena cefalica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vena cefalica
Gray574.png
Il percorso della vena cefalica
Gray417 color.PNG
Posizione della vena cefalica in una sezione dell'avambraccio (vena superficiale in alto a sinistra)
Anatomia del Gray subject #172 661
Sistema Apparato circolatorio
Distretto drenato Parte superficiale del braccio e dell'avambraccio
Vene accolte Vene superficiali minori del braccio e dell'avambraccio
Confluisce in Vena ascellare
MeSH Brachiocephalic+veins
Dorlands/Elsevier Cephalic vein

La vena cefalica (o vena antecubitale) è un vaso sanguigno superficiale dell'arto superiore che drena il sangue dalle regioni superficiali del braccio; gran parte del sangue che defluisce dalla mano viene raccolto da questo vaso.[1]

Percorso[modifica | modifica sorgente]

La vena cefalica, in cui sfociano molti vasi minori della mano, percorre il lato interno del polso; corre lungo l'avambraccio, nel braccio e, dopo aver trapassato l'aponeurosi clavi-coraco-ascellare[1], si getta nella vena ascellare. Lungo il suo percorso nel braccio raccoglie le vene cefalica accessoria e axillobrachiale.

La vena cefalica sfocia nella vena ascellare

La vena cefalica accessoria[modifica | modifica sorgente]

Prende il nome di vena cefalica accessoria un vaso sanguigno che percorre il margine radiale dell'avambraccio e si unisce alla vena cefalica poco sopra il gomito.

Importanza in medicina[modifica | modifica sorgente]

A causa della sua relativa facilità di individuazione, la vena cefalica viene spesso usata per effettuare prelievi di campioni di sangue, per la somministrazione di farmaci, soluzioni o nutrizione artificiale per via endovenosa[2]. Inoltre si può accedere alla vena cava superiore attraverso l'isolamento chirurgico della vena cefalica, succlavia e giugulare, interna o esterna.[3]

Anatomia comparata[modifica | modifica sorgente]

La vena cefalica viene facilmente individuata anche in altri mammiferi, per questo i prelievi di sangue a canidi e felini vengono effettuati preferibilmente attraverso questo vaso.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b G. Lambertini, Anatomia umana, 2a Ed., Padova, Piccin Editore, 1978. ISBN 978-88-212-0563-7.
  2. ^ The Online Journal of AnesthesiologyURL consultato il 23 ottobre 2010
  3. ^ MSD:Inserimento di cateteri venosi centraliURL consultato il 23 ottobre 2010
  4. ^ Norme per il prelievo e l'analisi clinica medica veterinariaURL consultato il 23 ottobre 2010

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]