Vasistas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vista interna ed esterna di un'apertura vasistas. La foto in basso mostra uno dei due bracci limitatori di apertura, oltre al fermo di chiusura.

Un vasistas (s. m.[1]; pronuncia[1]: va∫istàas o va∫ìstas, scritto anche wasistas) è un serramento apribile verso l'interno dell'edificio in cui le cerniere sono posizionate sul traverso inferiore e la chiusura, detta cricchetto, su quello superiore. Il sistema permette all'anta di ruotare verso il basso e l'apertura viene delimitata da appositi fermi, chiamati bracci limitatori d'apertura. Non va confuso con l'abbaino e con la finestra a sporgere, che apre verso l'esterno.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

È destinato all'illuminazione, alla ventilazione ed al tamponamento delle aperture e delle luci di un edificio. Viene usato principalmente per capannoni industriali, cantine, vani scale e similari. Nei fabbricati industriali i vasistas hanno spesso anche la funzione di evacuatori di fumo e calore in caso di incendi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I profili, le cerniere, le guarnizioni e gli accessori di assemblaggio usati per eseguire un vasistas sono gli stessi di una normale finestra a battente apribile all'interno. Il normale accessorio per la chiusura si chiama cricchetto[2] mentre l'apertura ha un fermo, solitamente regolabile, comandato dai bracci (detti anche compassi) limitatori d'apertura, che permettono all'anta di rimanere aperta senza ribaltarsi all'ingiù. Sono in commercio diversi tipi di bracci tra i quali quello sganciabile, che consente di aprire completamente l'anta con facilità quando si vuole pulire il vetro esterno dall'interno. Altri tipi di bracci montati sui profili verticali di anta e telaio, oltre a limitare l'apertura provvedono anche alla rotazione dell'anta e sostituiscono le cerniere.

Nel caso in cui i vasistas siano utilizzati anche come evacuatori di fumo e calore, l'apertura è affidata a cilindri pneumatici che sostituiscono chiusura e bracci e sono collegati ad un impianto di rivelazione incendi. Il segnale dell'eventuale incendio viene trasmesso ad una centralina che comanda l'apertura dei vasistas con un sistema ad aria compressa o elettrico.[3] Nel caso in cui la chiusura sia troppo alta dal pavimento, come nei capannoni industriali, è possibile aprire lo sportello tramite comando a distanza manuale a manovella. Versioni più costose ed evolute prevedono il comando a distanza elettrico o pneumatico, con o senza fili.[4]

Quando il vasistas è inserito in un telaio in cui la parte inferiore è costituita da una porta o da una finestra, viene definito sopraluce a vasistas. Il secondo caso è utilizzato oggi quasi esclusivamente nei serramenti in ferro dopo la diffusione nella seconda metà del XX secolo dell'anta ribalta, un meccanismo usato nei serramenti in legno, alluminio e PVC che consente l'apertura di finestre e porte-finestre sia a battente che a vasistas.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine vasistas è un forestierismo proveniente dal francese[1], che a sua volta l'ha adottato dal tedesco.[1]: Deriva dalla domanda «Was ist das?», il cui significato è «Che c'è?» (letteralmente «Che cos'è questo?»[1]), che veniva posta dai tedeschi ai visitatori francesi prima di aprire la porta attraverso una sorta di sportello apribile a vasistas.

Secondo il linguista francese Alain Rey,[5] la prima forma conosciuta di questo prestito lessicale in francese risale al 1776, e venne scritta «wass-ist-dass» dal medico Jean François Clément Morand nel suo trattato Mémoire sur les feux de houille. La prima apparizione del termine 'vasistas' in un dizionario francese risale al 1798, nella 5a edizione del Dictionnaire de l'Académie française:

«VASISTAS. sostantivo maschile. Piccola porzione di una porta o finestra, la cui parte si apre o ferma a volontà.»

Utilizzo del termine nell'arte francese[modifica | modifica wikitesto]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'architetto francese Eugène Viollet-le-Duc (1814 – 1879), nel suo Dictionnaire raisonné de l'architecture française du XIe XVIe siècle - Tome 5, scrisse alla voce Fenêtre: « [...] che queste vetrate chiudono tanto bene quanto le nostre, se non meglio; che esse possono essere sigillate ermeticamente, e che si potrebbe, grazie a degli chassis separati, dare agli interni minore o maggior quantità d'aria e di luce. Oggi si è sostituito tutto quello con vasistas, ma non abbiamo ancora ripreso le imposte che si aprono per piccole porzioni [...] »[6]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIX secolo, la letteratura francese, o le traduzioni in francese, hanno registrato l'apparire del termine 'vasistas' per designare delle finestre particolari:

« [...] les moments où Fabrice pouvait ouvrir la sorte de vasistas par lui pratiqué dans l’immense abat-jour qui masquait sa fenêtre.»[7].
« Les vitrages du séchoir se soulevaient comme ceux d’une serre.[...] Le tout était de se procurer une échelle assez longue, une échelle de vingt pieds au lieu de douze.[...] L’échelle atteignait juste au vasistas. »[8].
« Elle se penchait des deux mains par le vasistas, en humant la brise ; les trois chevaux galopaient, les pierres grinçaient dans la boue, la diligence se balançait [...] »[9].
« La cahute, sorte de cabane-voiture qui suivait l'itinéraire le plus varié, sans sortir pourtant d'Angleterre et d'Écosse, avait quatre roues, plus un brancard pour le loup, et un palonnier pour l'homme. Ce palonnier était l'en-cas des mauvais chemins. Elle avait à l'avant une porte vitrée avec un petit balcon servant aux harangues, tribune mitigée de chaire, et l'arrière une porte pleine trouée d'un vasistas ».[10].
  • Émile Zola, ne L'ammazzatoio del 1877, scrisse di finestre con sopraluci a vasistas aventi la funzione di ventilare il lavatoio nel quale Gervaise lavava la sua biancheria:
« La chaleur devenait intolérable; des rais de soleil entraient à gauche, par les hautes fenêtres, allumant les vapeurs fumantes de nappes opalisées, d'un gris rose et d'un gris bleu très tendres. Et, comme des plaintes s'élevaient, le garçon Charles allait d'une fenêtre à l'autre, tirait des stores de grosse toile; ensuite, il passa de l'autre côté, du côté de l'ombre, et ouvrit des vasistas[11].

Canzone[modifica | modifica wikitesto]

« Un vasistas était ouvert sur les étoiles
Et me revoilà faisant la malle
Parmi les antennes de télé »

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura