Vasilopita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vasilopita
La vasilopita di Capodanno 2009
La vasilopita di Capodanno 2009
Origini
Altri nomi pane di Basilio
Luogo d'origine Grecia Grecia
Diffusione Europa Orientale e dell'area dei Balcani
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali
  • farina
  • zucchero
  • burro
  • mandorle
  • uova
[1]
Altre informazioni associata al giorno di San Basilio
 

La vasilopita (in greco: Βασιλόπιτα, letterariamente "torta di San Basilio") è una torta di Capodanno tipica della Grecia e di molte altre zone, dai paesi dell'Europa Orientale e dell'area dei Balcani[2][3].

Nel dolce viene nascosta una moneta o un ciondolo, per augurare buona fortuna al ricevente. Viene fatta con diversi tipi di pasta, secondo la tradizione familiare e regionale, incluso lo tsoureki.

Viene associata al giorno di San Basilio Magno, il 1º gennaio, in gran parte della Grecia[4], ma in alcune regioni le tradizioni legate ad una torta contenente una moneta sono estese anche all'Epifania o al Natale.

In altre aree dei Balcani esiste la stessa tradizione, pur se non associata a Capodanno: la pratica è documentata in Ucraina (pierogi), Romania, Serbia (chesnitza, mangiata a Natale); Albania (pitta, fatta sia da cristiani che da musulmani) e Bulgaria (pogatcha, novogodichna banitsa, svity vasileva bogatcha).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vasilopita, dolce della buona sorte in gastronomiamediterranea.com. URL consultato il 13/10/2014.
  2. ^ (PDF) La Vasilopita (Pane di San Basilio) in grecanica.com. URL consultato il 13/10/2014.
  3. ^ Vasilopita greca o pane di san Basilio in angiecafiero.it. URL consultato il 13/10/2014.
  4. ^ Grecia continentale, EDT srl, 2008, p. 84.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]