Varo (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varo
Varo
Valle del Varo
Stato Francia Francia
Lunghezza 120 km
Portata media 49,4 m³/s
Bacino idrografico 2820 km²
Altitudine sorgente ~ 1800 m s.l.m.
Nasce Alpi Marittime, nei pressi di Entraunes
Sfocia Mar Mediterraneo, fra Nizza e Saint-Laurent-du-Var

Il Varo (in francese Var, in latino Varus) già citato nel De bello civili di Cesare, è un fiume francese che sfocia ad ovest di Nizza.

il fiume Varo è per convenzione considerato una frontiera naturale tra la zona geografica italiana e le zone geografiche francesi.

Il Varo era la vecchia frontiera naturale, culturale, ed etnica tra la Gallia e l'Italia fino all'annessione alla Francia, con la Savoia, in cambio della Lombardia, nel 1860.

Il suo bacino, corrispondente grosso modo al territorio dell'antica Contea di Nizza, è stato per lunghi secoli nell'orbita politica sabauda (Ducato di Savoia prima e Regno di Sardegna poi) fino al 1860, quando per effetto del Trattato di Torino passò quasi interamente in territorio francese.

Rimasero invece ai Savoia, e poi dal 1861 nel Regno d'Italia, le alte valli della Vesubia e della Tinea, fino alla loro cessione alla Francia per mezzo del Trattato di pace di Parigi (1947).

Per convenzione, il suo corso d'acqua segna l'estremo confine occidentale della regione geografica italiana[1] ed il Ponte Carlo Alberto era un noto punto di confine fra il Regno di Sardegna (Contea di Nizza) e la Francia (Dipartimento del Varo).

Affluenti[modifica | modifica wikitesto]

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m3/s)
Stazione idrometrica : Nizza - Ponte Napoleone III (serie storica di 35 anni)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "L'Enciclopedia Geografica - Vol.I - Italia", 2004, Ed. De Agostini

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia