Varadero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varadero
comune
Varadero – Veduta
Localizzazione
Stato Cuba Cuba
Provincia Matanzas
Amministrazione
Sindaco Edoard Carlis
Territorio
Coordinate 23°08′22″N 81°17′10″W / 23.139444°N 81.286111°W23.139444; -81.286111 (Varadero)Coordinate: 23°08′22″N 81°17′10″W / 23.139444°N 81.286111°W23.139444; -81.286111 (Varadero)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 32 km²
Abitanti 27 170 (2009)
Densità 849,06 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso +53-52
Fuso orario UTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Cuba
Varadero

Varadero è una popolare località turistica nella provincia di Matanzas a Cuba e una delle più ampie spiagge dei Caraibi. Viene anche chiamata Playa Azul, "spiaggia azzurra".

Di Varadero i cubani dicono "no es Cuba, son los Estados Unidos!" ("non è Cuba, sono gli Stati Uniti!") per il carattere turistico della città.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Su tale spiaggia sorgono villaggi e complessi turistici. È situata sulla Penisola di Hicacos all'estremo est della Via Blanca. La penisola, è larga solo 1,2 km ma è allungata ed ha 22 km di spiagge di sabbia bianca che scendono dolcemente verso il mare, è separata da Cuba dal Canale Kawama. Situata a circa 30 minuti di auto dall'Aeropuerto Juan Gualberto Gómez (il secondo del paese per numero di passeggeri) dista circa 2 ore dalla capitale L'Avana. Il clima è mite e la temperatura oscilla tra i 18 (minime di gennaio) e 31 °C di luglio, solo occasionalmente in inverno la temperatura può scendere a 10 °C.

Clima di Varadero[1]
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Anno
Temperatura media (°C) 22 22 23 25 26 27 27 27 27 26 25 23 25
Giorni di pioggia (mm) 6 6 5 4 8 10 8 9 12 10 7 6 91

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La penisola di Hicacos fu scoperta nel 1508 durante un viaggio di esplorazione comandato dallo spagnolo Sebastian de Ocampo. I conquistatori cacciarono gli indigeni durante il XVI secolo e usarono il luogo come bacino di carenaggio e per saline, che fornirono la flotta spagnola fino poi al 1961. Le grotte naturali della penisola servirono da nascondiglio di pirati e fuggitivi.

Alla fine del XIX secolo furono costruiti i primi edifici a scopo ricreativo per le vacanze estive dell' alta società della vicina Cardenas, e fu costruito anche, nel 1915 il primo hotel che aveva il nome "Varadero". L' ascesa di Varadero come località turistica si ebbe negli anni venti e anni trenta, quando arrivarono numerosi cubani e nordamericani facoltosi che stabilirono a Varadero la propria residenza nei pressi delle spiagge[2]. Tra di loro spiccano i nomi di Irénée du Pont, discendente del fondatore della DuPont, Al Capone e il dittatore Fulgencio Batista[3].

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Con il trionfo della rivoluzione cubana nel 1959, lo stato nazionalizzò le strutture togliendole ai ricchi proprietari, ma è soprattutto dagli anni novanta che iniziarono le costruzioni in massa di hotel per il turismo internazionale (la maggioranza a 4 e 5 stelle), finanziati con investimenti cubani e stranieri a corto periodo, per cercare di sviluppare il turismo come argine alla crisi dovuta al crollo del muro di Berlino e della scomparsa dell'Unione Sovietica.

Secondo il censimento del 2009 la popolazione di Varadero è di poco superiore ai 27.000 abitanti, i turisti che arrivano ogni anno oltre il milione[4], dei quali in gran parte canadesi, seguiti da europei (inglesi, tedeschi, russi, spagnoli, italiani, francesi), argentini, messicani e statunitensi, questi ultimi, seppur possano entrare a Cuba per turismo, sono comunque limitati dall' embargo decennale all' isola caraibica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Clima di Varadero
  2. ^ (EN) VARADERO HISTORY
  3. ^ Netssa.com-Varadero
  4. ^ (ES) Por tercer año consecutivo un millón de turistas en Varadero

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]