Vanity Fair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

Vanity Fair, in italiano La fiera della (o delle) vanità, è originariamente il titolo d'un romanzo di William Makepeace Thackeray.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Editoria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vanity Fair (rivista).
  • Vanity Fair periodico statunitense (1859-1863) edito da Henry Louis Stephens e William Allen Stephens.
  • Vanity Fair periodico settimanale britannico (1868-1914) fondato da Thomas Gibson Bowles, famoso per le sue vignette e caricature.
  • Vanity Fair periodico settimanale statunitense (1902-1904) pubblicato dalla The Commonwealth Publishing Company
  • Vanity Fair periodico mensile statunitense (1913-1936) pubblicato dalla Condé Nast Publications e poi confluito in Vogue
  • Vanity Fair periodico mensile statunitense (1983-odierno) pubblicato dalla Condé Nast Publications
  • Vanity Fair edizione italiana del mensile statunitense pubblicata dallo stesso editore e distribuita in forma settimanale dal 2003.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]