Vanguard (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vanguard
Vanguard.png
Immagine di gioco
Sviluppo TOSE
Pubblicazione GiapponeSNK
Stati UnitiCenturi
Data di pubblicazione 1981
Genere Sparatutto a scorrimento
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Arcade, Atari 2600, Atari 5200
Specifiche arcade
CPU M6502 0,9 MHz
Schermo Verticale, raster
Risoluzione 224×256 64 colori
Periferica di input Joystick 8 direzioni, 4 pulsanti

Vanguard è un videogioco arcade realizzato nel 1981 dalla compagnia giapponese TOSE, distribuito dalla SNK e concesso in licenza alla Centuri per gli Stati Uniti. Si tratta di uno dei primi esempi di sparatutto a scorrimento (sia verticale che orizzontale), oltre che ad uno dei primi titoli dove la nave può sparare in tutte e quattro le direzioni cardinali. La presenza di ostacoli da evitare, che si aggiungono ai nemici, lo rendono il precursore di videogiochi come Gradius e R-Type.[1]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Come già succede in Scramble, in Vanguard si utilizza una navetta dotata di carburante, che cala durante il tragitto; per recuperarlo occorre distruggere i nemici. Raccogliendo dei power-up con la scritta energy la nave diventa invincibile per alcuni secondi; durante questo periodo non può sparare, ma i nemici si possono distruggere semplicemente toccandoli. Vanguard è suddiviso in dieci "zone", e alla fine di ognuna di esse è presente un boss.

Audio[modifica | modifica wikitesto]

Nel cabinato di Vanguard sono presenti alcuni chip audio realizzati appositamente per il gioco, che permettono una primitiva sintesi vocale. Il tema introduttivo è copiato dal film Star Trek: The Motion Picture, mentre quello che si sente durante l'invincibilità deriva dal tema di Vultano da Flash Gordon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Timeline: The History of SNK

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi