Vanessa Mae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Vanessa Mae alla Royal Festival Hall nell'ottobre 2004

Vanessa Mae Vanakorn Nicholson, conosciuta semplicemente come Vanessa Mae (in cinese: 陳美, Chén Měi) (Singapore, 27 ottobre 1978), è una violinista e sciatrice alpina thailandese con cittadinanza britannica, conosciuta al grande pubblico per la sua produzione techno-classica, arrangiamenti di opere classiche in chiave moderna, attraverso l'uso di nuove tecnologie musicali.

Nelle liste della Federazione Internazionale Sci è iscritta come Vanessa Vanakorn

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vanessa Mae è nata a Singapore da padre thailandese[1], il quale era un avvocato, e madre cinese, che era pianista. Dopo la separazione dei suoi genitori, sua madre sposò un uomo inglese (Graham Nicholson), e la sua famiglia si sistemò in Inghilterra, quando Vanessa aveva 4 anni[senza fonte]. È cresciuta a Londra e ha la cittadinanza britannica[1].

Carriera artistica[modifica | modifica wikitesto]

Vanessa Mae
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Musica classica
Techno
Pop
Periodo di attività 1990 – in attività
Etichetta Sony BMG, Virgin, EMI
Sito web

Vanessa Mae cominciò a suonare il pianoforte a 3 anni, e il violino a 5.

Durante l'infanzia era relativamente famosa nel Regno Unito, facendo anche apparizioni televisive (per esempio in Blue Peter) suonando più che altro musica classica o di stile conservativo. Secondo il Guinness dei Primati, è la più giovane violinista ad avere inciso i concerti per violino di Beethoven e Čajkovskij, una registrazione avvenuta quando lei aveva 13 anni. In questi anni, studiava alla Francis Holland School nel centro di Londra.

Vanessa Mae ebbe il suo debutto internazionale allo Schleswig-Holstein Musik Festival in Germania nell'anno 1988, e nello stesso anno fece il suo debutto in concerto suonando con la Philharmonia Orchestra a Londra.

Durante l'adolescenza Vanessa Mae si staccò dalle sue influenze classico-tradizionali e divenne nota per il suo stile vistoso e sensuale apparendo nei video musicali in abiti moderni.

Il suo primo album pop, "The Violin Player", fu realizzato nel 1995, ed è ancora considerato uno dei migliori lavori della sua carriera musicale.

Nel 1997 partecipò alla produzione dell'album "The Velvet Rope" di Janet Jackson suonando un assolo di violino nella canzone Velvet Rope.

Nel 1998 partecipa nell'album In My Life (George Martin) eseguendo Because ed esegue Reflection nella versione per l'Italia, la Grecia e la Polonia della colonna sonora di Mulan.

Nell'aprile del 2006, Vanessa Mae fu classificata, secondo la Rich List del Sunday Times, come la più benestante giovane intrattenitrice sotto i 30 anni nel Regno Unito, avendo un patrimonio di 32 milioni di sterline accumulati da concerti e vendite discografiche.

Vanessa Mae ha annunciato che il suo prossimo album (fra il 2007 e il 2008) sarà una raccolta di fantasie su brani famosi dal repertorio concertistico classico.

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Vanessa Vanakorn
Dati biografici
Nome Vanessa Mae Vanakorn Nicholson
Nazionalità Thailandia Thailandia
Altezza 160 cm
Peso 48 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante
Statistiche aggiornate al febbraio 2014

Dopo aver già tentato invano di partecipare ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002[2], dal 2013 ha preso parte ad alcune gare FIS e ad altre competizioni minori e si è qualificata per la Thailandia ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014, seconda thailandese dopo Prawat Nagvajara (in gara nello sci di fondo proprio a Salt Lake City)[2]. Ha preso parte allo slalom gigante, classificandosi 67ª.

Successivamente un'indagine della Federazione sciistica della Slovenia, su pressione della Federazione Internazionale Sci, ha appurato che i risultati della gare FIS risultati decisivi per la qualificazione olimpica della musicista erano stati manipolati; i responsabili delle scorrettezze (tra i quali il direttore tecnico della Nazionale di sci alpino della Slovenia, Vlado Makuc), sono stati di conseguenza sospesi per quattro anni, mentre non sono emersi addebiti a carico della Mae, ritenuta all'oscuro delle manipolazioni[1].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • Violin (1990)
  • Kid's classics (1991)
  • Tchaikovsky & Beethoven Violin Concertos(1991/1992)
  • The Violin Player (1995) - prima in Austria, seconda in Finlandia (disco di platino), Australia e Nuova Zelanda, undicesima nella UK Albums Chart (disco d'oro), dodicesima in Ungheria, quattordicesima in Svizzera e ventesima posizione in Germania
  • The Alternative Records from Vanessa Mae (1996)
  • The Classical Album 1 (1996) - dodicesima in Finlandia, diciannovesima in Nuova Zelanda e ventesima in Austria - disco d'oro in Polonia
  • China Girl: The Classical Album 2 (1997)
  • Storm (July 14, 1998) - quarta posizione in Austria e nella Classical Albums statunitense e diciottesima in Finlandia
  • The Original Four Seasons and the Devil's Trill Sonata: The Classical Album 3 (February 16, 1999) - disco d'oro in Polonia
  • The Classical Collection: Part 1 (2000)
  • Subject to Change' (July 17, 2001)
  • The Best of Vanessa-Mae (November 5, 2002)
  • The Ultimate (December 23, 2003)
  • Choreography (2004)
  • Xpectation (2004)

Special edition albums[modifica | modifica wikitesto]

  • The Violin Player: Japanese Release (1995)
  • The Classical Album 1: Silver Limited Edition (January 1, 1997)
  • Storm: Asian Special Edition (January 1, 1997)
  • The Original Four Seasons and the Devil's Trill Sonata: Asian Special Edition (February 1, 1999)
  • Subject to Change: Asian Special Edition (July 1, 2001)
  • The Ultimate: Dutch Limited Edition (January, 2004)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Toccata & Fugue (1995)
  • Toccata & Fugue - The Mixes (1995)
  • Red Hot (1995)
  • Classical Gas (1995)
  • I'm a-Doun for Lack O' Johnnie (1996)
  • Bach Street Prelude (1996)
  • Happy Valley (1997)
  • I Feel Love Part 1 (1997)
  • I Feel Love Part 2 (1997)
  • The Devil's Trill & Reflection (1998)
  • Destiny (2001)
  • White Bird (2001)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Matteo Pavesi, 4 sloveni sospesi per lo scandalo Vanessa Mae in fantaski.it, 11 luglio 2014. URL consultato il 15 agosto 2014.
  2. ^ a b Vanessa Mae, da Beethoven alle Olimpiadi di Sochi, affaritaliani.it, 22 gennaio 2014. URL consultato l'8 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 115758017 LCCN: no96009958