Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant
comune
Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant – Stemma Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant – Bandiera
Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant – Veduta
Dati amministrativi
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Catalonia.svg Catalogna
Provincia Bandera actual de la provincia de Tarragona.svg Tarragona
Territorio
Coordinate 40°59′30.84″N 0°55′15.96″E / 40.9919°N 0.9211°E40.9919; 0.9211 (Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant)Coordinate: 40°59′30.84″N 0°55′15.96″E / 40.9919°N 0.9211°E40.9919; 0.9211 (Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant)
Altitudine 281 m s.l.m.
Superficie 102,67 km²
Abitanti 4 373 (2001)
Densità 42,59 ab./km²
Comuni confinanti L'Ametlla de Mar, Mont-roig del Camp, Pratdip, Tivissa
Altre informazioni
Cod. postale 43891
Prefisso (+34)...
Fuso orario UTC+1
Targa T
Comarca Baix Camp
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Spagna
Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant
Sito istituzionale

Vandellòs i l'Hospitalet de l'Infant è un comune spagnolo di 4.373 abitanti situato nella comunità autonoma della Catalogna, del Baix Camp, ed in provincia di Tarragona, situata a NordEst di Tortosa.

Il comune comprende le località di Vandellòs (Vandellós in castigliano), l'Hospitalet de l'Infant (l'Hospitalet del Infant in castigliano), l'Almadrava, Masboquera e Masriudoms.

Vandellòs, ad una distanza di circa 15 km dalla costa e raggiungibile con la c-44[1] è sede di un'importante installazione nucleare di costruzione francese per la produzione di Energia Elettrica nazionale.

Presso la località di Vandellòs si è venuto a formare il nucleo abitato costiero e turistico di Hospitalet de l'Infant a cui si affiancano i nuclei di Almadrava, Masriudoms e Masboquera. Hospitalet trae il nome dalla propria origine, essendo stato qui costruito l'8 novembre 1344 per l'infante Pedro IV de Ribagorza, figlio di Giacomo II di Aragona, un edificio quadrato di 54,6 metri per lato e con una torre ad ogni angolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse Vol. XX Rizzoli Editore 1994, pag.357

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Grande Dizionario Enciclopedico Vol. XIX 3ª Ed. UTET Torino 1973;
  • nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse Vol. XX Rizzoli Editore 1994

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]