Valiant Comics

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Valiant Comics è una casa editrice di fumetti statunitense fondata nel 1989 da Jim Shooter, Bob Layton e i loro partner finanziari.

La Valiant divenne una delle più grandi compagnie nel mercato fumettistico statunitense negli anni novanta, vendendo più di 80 milioni di albi nei suoi primi cinque anni. I suoi personaggi sono stati pubblicati in diverse lingue e sono protagonisti di videogiochi di successo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 l'ex editor-in-chief della Marvel Jim Shooter e un gruppo di altri investitori cercarono di acquistare la Marvel Comics, ma la loro offerta fu seconda a quella dell'imprenditore Ronald Perelman. Steven J. Massarsky, ex manager dell'Allman Brothers Band, e Shooter convinsero quindi l'azienda Triumph a finanziare la creazione di una nuova casa editrice di fumetti. Fondarono quindi la Voyager Communications Inc. e la sezione dedicata alla pubblicazione di fumetti, la Valiant Comics; inoltre ingaggiarono Bob Layton e acquisirono i diritti di tre personaggi della defunta Gold Key Comics: Magnus, Solar e Turok.

Nel 1990 la Valiant lanciò la sua linea di supereroi, mescolando versioni modificate dei personaggi Gold Key con molte serie e personaggi originali come Archer and Armstrong, Eternal Warrior, Harbinger, Rai, Shadowman e X-O Manowar, per creare un nuovo universo fumettistico. A metà del 1992 la compagnia pubblicò un crossover chiamato Unity. La Valiant acquistò popolarità velocemente, come attestato anche da riviste specializzate come Overstreet Comic Book Price Guide e Wizard.

Nonostante questo grande successo, delle discordie tra Shooter e la Triumph portarono al licenziamento del primo[1]. Bob Layton prese allora la maggior parte degli incarichi editoriali di Shooter, mentre Kevin VanHook divenne "executive editor". Valiant espanse molto la sua linea fumettistica e divenne presto la terza casa editrice di fumetti in termini di vendite dietro i colossi Marvel Comics e DC Comics. Nel 1993 il primo numero di Turok Dinosaur Hunter vendette 1,75 milioni di copie; fu la prima di molte serie di grande successo che cementarono la posizione della Valiant come gigante dell'industria fumettistica.

Un anno dopo, nel giugno del 1994, la Voyager Communications venne venduta al colosso dei videogiochi Acclaim Entertainment per 65 milioni di dollari[2]. Parallelamente al resto dell'industria fumettistica, le vendite della Valiant presto crollarono[3] e la direzione della Acclaim cominciò a prendere un ruolo più attivo nelle decisioni editoriali.

Nel 1996 la Acclaim rilanciò la linea Valiant Comics come Acclaim Comics. La motivazione principale era quella di rendere i personaggi più adatti a essere utilizzati nel campo dei videogiochi. Questo portò alla creazione della linea di videogiochi dedicati a Shadowman e Turok.

Nel 1999 la Acclaim cominciò a pubblicare Unity 2000, scritta da Jim Shooter, che si proponeva di integrare il vecchio universo Valiant e il nuovo universo Acclaim. La serie fu però interrotta dopo soli 3 numeri (su 6 previsti). La compagnia cessò tutte le pubblicazioni due mesi dopo per concentrarsi sul suo business primario.

Nel 2004 la Acclaim andò in bancarotta e chiuse i suoi uffici; nel 2005 vendette all'asta i diritti dei personaggi originali della Valiant come parte del procedimento della bancarotta. Dopo un processo complicato che coinvolse numerose parti, la Valiant Entertainment acquisì i diritti dei personaggi. Nel 2008 lanciò inoltre il suo sito ufficiale[4] e ha cominciato a ristampare versioni ricolorate di alcune serie della Valiant Comics: Harbinger: The Beginning (contiene Harbinger nn. 1-7), X-O Manowar: Birth (X-O Manowar nn. 1-7) e Archer & Armstrong: First Impressions (Archer & Armstrong nn. 1-7).

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Valiant Universe[modifica | modifica wikitesto]

Acclaim Universe[modifica | modifica wikitesto]

  • Armed and Dangerous
  • Armorines
  • Bad Eggs
  • Bloodshot
  • Concrete Jungle
  • Darque Passages
  • Deadside
  • Doctor Tomorrow
  • Eternal Warriors
  • Grackle
  • Gravediggers
  • Harbinger
  • Magnus
  • Solar
  • N.I.O.
  • Ninjak
  • Quantum & Woody
  • Shadowman
  • Trinity Angels
  • Troublemakers
  • Unity 2000
  • X-O Manowar

Pubblicazioni in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994-1995 sono state pubblicate alcune serie in lingua italiana dalla casa editrice Play Press[5]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NewsWatch: Voyager Fires Jim Shooter, The Comics Journal n. 151 (luglio 1992), p. 15
  2. ^ Newswatch: Acclaim Buys Voyager for $65 Million, The Comics Journal n. 168 (maggio 1994), p. 31
  3. ^ News Watch: Acclaim Entertainment Tanks Hard in Fourth Quarter of 1996, The Comics Journal n. 192 (dicembre 1996), p. 29
  4. ^ Sito ufficiale della Valiant Entertainment
  5. ^ Foreign Valiant Comics Editions

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]