Valfabbrica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valfabbrica
comune
Valfabbrica – Stemma
Valfabbrica – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Amministrazione
Sindaco Ottavio Anastasi (PD) dal 05/04/2005
Territorio
Coordinate 43°10′00″N 12°36′00″E / 43.166667°N 12.6°E43.166667; 12.6 (Valfabbrica)Coordinate: 43°10′00″N 12°36′00″E / 43.166667°N 12.6°E43.166667; 12.6 (Valfabbrica)
Altitudine 289 m s.l.m.
Superficie 92,3 km²
Abitanti 3 560[1] (31-12-2010)
Densità 38,57 ab./km²
Frazioni Casacastalda, Giomici, Monteverde
Comuni confinanti Assisi, Gualdo Tadino, Gubbio, Nocera Umbra, Perugia
Altre informazioni
Cod. postale 06029
Prefisso 075
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 054057
Cod. catastale L573
Targa PG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti valfabbrichesi
Patrono san Sebastiano
Giorno festivo 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valfabbrica
Posizione del comune di Valfabbrica all'interno della provincia di Perugia
Posizione del comune di Valfabbrica all'interno della provincia di Perugia
Sito istituzionale

Valfabbrica è un comune italiano di 3.543 abitanti della provincia di Perugia, situato in una valle sulla sponda sinistra del fiume Chiascio, tra Perugia, Assisi e Gubbio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

  • Altitudine media: 289 m s.l.m.
  • Altitudine massima: 826 m s.l.m.
  • Altitudine minima: 227 m s.l.m.[2]

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune di Valfabbrica è attraversato dal fiume Chiascio e da suoi affluenti: il Rio Grande e il Rio della Bionda sono i principali. È inoltre presente all'interno del territorio comunale di Valfabbrica un omonimo lago artificiale generato da una diga[3].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Presso il confine con il comune di Assisi, nella zona delle Forre del Rio Grande[4], il microclima anomalo e la particolare conformazione geologica del terreno hanno permesso la creazione di un habitat naturale adatto ad ospitare sia piante termofile, arboree e arbustive, tipiche della macchia mediterranea, sia specie faunistiche sconosciute in questi territori quali gli aironi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine medievale, sorge in bella posizione su un colle sovrastante la vallata del Fiume Chiascio. La fondazione e lo sviluppo del nucleo originario della cittadina sono connessi alle vicende dell’Abbazia Benedettina di S. Maria in Vado Fabricae, citata dalle cronache dall’anno 820. Fu l’Imperatore Ludovico il Pio, da Aquisgrana, a concedere l’autonomia all’Abbazia ed al castello “in Vallis Fabricae”, edificato a difesa del monastero dagli attacchi dei feudi vicini. Nel 1177 Federico Barbarossa pose la “ecclesia de Valle Fabricae, in comitatu Asisii” sotto la propria protezione. Nel 1202, monaci e castellani si schierarono con la guelfa Assisi nella Battaglia di Collestrada, persa contro la rivale Perugia, e nel 1205 Valfabbrica giurò la sottomissione ad Assisi, divenuta nel frattempo ghibellina. Nell’anno 1209 il castello di Valfabbrica fu distrutto da Perugia, per ritorsione contro il tentativo di sottomettere i vicini castelli perugini. La conseguente decadenza del territorio portò l’Abbazia a passare sotto la Regola del Monastero di Nonantola. Nelle ulteriori battaglie tra Perugia e Assisi (1319), il castello fu nuovamente saccheggiato. In seguito, il territorio fu conteso da Perugia e dal Duca del Montefeltro Guidobaldo I, Signore di Gubbio, al quale Valfabbrica chiese protezione. A partire dal 1497, salvo un breve ritorno sotto il dominio di Assisi (1515-1521), Valfabbrica entrò a far parte dei domini del Ducato di Urbino, e nel 1632 fu annessa allo Stato Pontificio. Nell’anno 1815, durante l’impero napoleonico, Valfabbrica fu eretta a Comune ed assorbì il territorio del soppresso comune di Casacastalda. Del periodo medievale è il centro storico, denominato Pedicino, che conserva due alte torri e cospicue parti delle mura di cinta. Da visitare la Pieve in stile romanico, con all'interno pregevoli affreschi (prima metà del XIV secolo). Di particolare interesse è un dipinto di scuola del Cimabue, raffigurante il compianto sul Cristo morto.[senza fonte]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di San Sebastiano[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, situata a ridosso delle mura perimetrali dell'antico castello del Pedicino è di proprietà comunale e spesso adibita, oltre che ai riti e alle funzioni religiose, ad incontri ed esposizioni di carattere socio-culturale. Risalente al XIV secolo, fu rinnovata nel XVI secolo e accolse le confraternite del Santissimo Sacramento e della Buona morte. Internamente è suddivisa in tre navate e conserva cinque pregevoli altari barocchi. Di particolare valore artistico è quello dedicato alla Madonna, il quale presenta, tra l'altro, cinque formelle lignee che ritraggono scene della vita di Cristo. Alle spalle dell'altare centrale trova posto una crocifissione seicentesca con ai lati San Sebastiano, santo patrono del comune, e San Francesco.

Persone legate a Valfabbrica[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Poggio San Dionisio, Poggio Morico, Collemincio, San Donato, Sospertole, Coccorano, Montevillano, La Barcaccia, Torello.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La maggiore realtà imprenditoriale di Valfabbrica è costituita dall’industria dei laminati metallici a freddo, e dalle attività legate all’indotto generato dalle imprese del gruppo operante nel settore della lavorazione metallica, attorno a cui è sorta la principale zona industriale del comune. Importante è la filiera tessile, che impiega addetti nella filatura e nei laboratori di maglieria, anche come terzisti per noti marchi di articoli in cachemire e lane di pregio. Numerose sono le aziende agricole, sono presenti frantoi e molini, ed è diffuso l’allevamento, in particolare nel settore ovinicolo. In costante crescita è la presenza di aziende agrituristiche, diffuse capillarmente nei dintorni delle tante frazioni del territorio e favorite dalla contiguità con i principali centri turistici della provincia, come Perugia, Assisi e Gubbio. Un impulso all’insediamento di nuove attività imprenditoriali è connesso alla costruzione della Superstrada Perugia-Ancona, i cui cantieri sono oggi operativi nel lotto tra la zona a ovest di Valfabbrica e la località Pianello, estrema propaggine orientale del comune di Perugia, dove attualmente termina il tratto già in esercizio della superstrada proveniente dal capoluogo regionale. In questo ambito, presso lo svincolo di Casa Castalda Est della strada a quattro corsie è stata realizzata una nuova area industriale ed artigianale.[senza fonte]

Itinerari dello Spirito[modifica | modifica wikitesto]

  • Sentiero Francescano della Pace

Valfabbrica è situata in posizione centrale lungo il Sentiero Francescano della Pace, l'itinerario che ripercorre il cammino intrapreso da San Francesco per la prima volta nell'inverno tra il 1206 e 1207, quando fuggì dalla casa paterna di Assisi e si rifugiò a Gubbio. In seguito, Francesco compì molte volte questo tragitto, anche in compagnia dei suoi confratelli, e quando si recava presso l'eremo della Verna, nelle colline del Casentino. In questo tracciato, ricco di monumenti simbolo del francescanesimo, è stato organizzato un percorso praticabile a piedi, in mountain-bike o a cavallo, che attraversa ambienti naturali incontaminati e consente di riscoprire importanti testimonianze storiche, come il Castello di Coccorano, ed antichi complessi monastici.

  • Via Francigena di San Francesco - Via di Roma

Valfabbrica è inserita negli itinerari dei pellegrini per Roma, nel tratto da Perugia passando per Assisi, Spello, Foligno, Trevi, Spoleto, Ferentillo, Marmore, sino a Piediluco. Attraversando sentieri e strade secondarie, questo cammino di fede si snoda attraverso i centri umbri cari a Francesco ed ai suoi fratelli, densi di memorie storiche e splendidi tesori d'arte.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l' A.S.D. Valfabbrica 1916 che milita nel girone A umbro di Promozione. I colori sociali sono: il blu ed il rosso. È nata nel 1916.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Valfabbrica è gemellata con:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ dawinciMD - Consultazione dati del 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni
  3. ^ Ente Irriguo Umbro Toscano
  4. ^ Biofest - Breve guida ai monumenti
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ (DE) Pagina dal sito ufficiale del comune di Greußenheim dedicata al gemellaggio con il piccolo comune umbro. URL consultato il 29 agosto 2014.
  7. ^ Pagina del sito della provincia di Perugia che riporta il programma del 20 gennaio 2011 quando, in occasione della festa del patrono San Sebastiano, venne sottoscritto a Valfabbrica il patto con la cittadina francese. URL consultato il 29 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Falcinelli, "Per ville e castelli di Assisi", Perugia, Tipografia Guerra, 1982. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]