Valerio Massimo (console 327)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valerio Massimo (latino: Valerius Maximus; floruit 326-337; ... – ...) è stato un influente politico dell'Impero romano durante il regno di Costantino I.

Ricoprì la carica di console nel 327 e quella di prefetto del pretorio dal 326 al 335 e poi nel 337, anno della morte di Costantino.

È stata proposta la sua identificazione con Valerio Massimo signo Basilio, praefectus urbi di Roma (319-323), ma i legami sono deboli.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rita Lizzi Testa, Le trasformazioni delle élites in età tardoantica, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2006, ISBN 8882653722, pp. 351-352.
  • Pierfrancesco Porena, Le origini della prefettura del pretorio tardoantica, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2003, ISBN 8882652386, p. 407.
Predecessore
Imperatore Cesare Flavio Valerio Costantino Augusto VII,
Flavio Giulio Costanzo Cesare
Console romano
327
con Flavio Costanzo
Successore
Flavio Gennarino,
Vettio Iusto