Valeria Cappellotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valeria Cappellotto
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 162 cm
Peso 48 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirata 2000
Carriera
Squadre di club
1999-2000 GAS Sport Team
Nazionale
1992-2000 Italia Italia
 

Valeria Cappellotto (Noventa Vicentina, 28 gennaio 1970) è un'ex ciclista su strada italiana, campionessa italiana in linea nel 1999. È la sorella minore della ciclista campionessa del mondo Alessandra Cappellotto.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 partecipò alla prova in linea su strada dei Giochi olimpici di Barcellona chiudendo al diciassettesimo posto; otto anni dopo a Sydney concluse invece trentunesima. Rappresentò peraltro più volte l'Italia ai campionati del mondo: miglior piazzamento per lei fu il quinto posto in linea a Verona 1999.

Proprio nel 1999 vinse la prova in linea dei campionati italiani su strada; nella medesima specialità giunse inoltre due volte seconda (nel 1990 e 1991) e due volte terza (1992 e 1997). Nel 1998 vinse il Giro della Toscana Femminile-Memorial Michela Fanini, mentre nel 1995 e 1996 si aggiudicò il Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio. Sue anche una tappa al Giro Donne e due al Tour cycliste féminin.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Giro dei Laghi
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
2ª tappa Giro del Trentino-Alto Adige & Sudtirolo
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
Trofeo Città di Schio
3ª tappa Giro di Sicilia
2ª tappa Emakumeen Bira
4ª tappa Emakumeen Bira
3ª tappa Giro Donne
2ª tappa Tour cycliste féminin
10ª tappa Tour cycliste féminin
Giro della Toscana Femminile-Memorial Michela Fanini
Campionati italiani, Prova in linea

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1989: 24ª
1993: 25ª
1994: 18ª
1995: 4ª
1996: 19ª
1997: 12ª
1998: 15ª
1999: 17ª
2000: ?
1992: 31ª
1995: 24ª
1996: 17ª
1997: 23ª
1998: 29ª

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]