Valandil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Valandil della Seconda Era, il Signore di Andúnië, vedi Valandil di Andúnië.
Valandil
Universo Arda
Lingua orig. Inglese
Autore John Ronald Reuel Tolkien
Specie Uomini
Sesso Maschio
Etnia Dúnedain
Luogo di nascita Imladris
Data di nascita 3430 S.E.
Parenti

Valandil è un personaggio di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Fu Alto Re di Arnor, nella Terra di Mezzo, dal 2 T.E. fino al 249 T.E.. Il suo nome, probabilmente, significa "devoto ai Valar".

Fu il quarto ed ultimo figlio di Isildur, nato a Imladris nel 3430 S.E.; tutti i suoi fratelli più grandi furono uccisi dagli Orchi ai Campi Iridati, assieme al padre. Valandil e sua madre erano a Granburrone quando la notizia della morte di Isildur lo raggiunse, poiché Valandil era troppo giovane per partecipare alla guerra dell'Ultima Alleanza.

Dopo il disastro, Valandil ereditò l'Alta Reggenza sui Regni in esilio di Gondor ed Arnor, ma poiché allora era ancora un bambino, non ebbe alcun potere a Gondor, dove suo cugino più grande, Meneldil, nominato reggente da Isildur, continuò a governare. In ogni caso Valandil non avanzò mai alcuna richiesta per la corona del sud, legittimando in qualche modo il trono di Meneldil e spaccando il regno in due. Il titolo di Alto Re rimase a Valandil ed ai suoi eredi, poiché, comunque, la dinastia di Gondor non era del tutto legittima, fino a quando, nell'861 T.E., il Reame di Arnor si scisse.

Per i primi otto anni del suo regno, a causa della giovine età, fu la madre a governare al suo posto come reggente, fino al 10 T.E., quando finalmente Valandil ricevette il simbolo del suo potere, lo Scettro di Annúminas. In questa città egli portò la pace fino alla sua morte, nel 249 T.E., quando salì al trono il figlio Eldacar.


Valandil
Casa di Isildur
Nascita: 3430 S.E. –. Morte: 249 T.E.
Predecessore
Isildur
3° Alto Re di Arnor
2 T.E — 249 T.E.
Successore
Eldacar
Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien