Val d'Ayas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Val d'Ayas
Val d'Ayas001.JPG
La Val d'Ayas vista dall'alto del Grande Ghiacciaio di Verra.
Stati Italia Italia
Regioni Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Località principali Verrès, Challand-Saint-Victor, Challand-Saint-Anselme, Brusson ed Ayas
Comunità montana Comunità Montana Evançon
Fiume Evançon
Cartografia
Mappa della Valle

La Val d'Ayas è una vallata alpina situata in Valle d'Aosta. Si colloca ai piedi del gruppo del Monte Rosa.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

La denominazione Val d'Ayas è moderna, utilizzata principalmente in seguito alla nascita dell'alpinismo. Il territorio di Ayas, in cima alla valle, divenne allora un polo d'attrazione in tal senso. La cartografia precedente utilizza la denominazione Val Challant o Val de Challant-Ayas.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La val d'Ayas è una valle laterale di sinistra della valle d'Aosta. Confina a nord con il Vallese (Svizzera), ad est con la valle del Lys, a sud con la valle della Dora Baltea e ad ovest con la Valtournenche.

Monti[modifica | modifica sorgente]

Fanno da corona alla valle alcune vette che superano i 4000 metri facenti parte del gruppo montuoso del Monte Rosa. In particolare tra queste si ricordano:

Oltre a questi monti ricordiamo:

Ghiacciai[modifica | modifica sorgente]

Panorama dell'alta val d'Ayas dal villaggio Bisous (Ayas)

Dalle vette scendono molti ghiacciai. Tra questi il principale è il Grande Ghiacciaio di Verra.

Fiumi[modifica | modifica sorgente]

La valle è attraversata dal torrente Evançon, affluente della Dora Baltea.

Tra i canali (rûs) artificiali, da segnalare il Rû Courthod, che conduce le acque del torrente del vallone di Courthod fino al col de Joux, e in seguito fino a Saint-Vincent, lungo un percorso di 25 chilometri.

Valichi alpini[modifica | modifica sorgente]

La valle non ha valichi alpini agevoli con le valli laterali (a parte il Col de Joux) e con il Vallese. Si ricordano comunque i seguenti passi alpini:

Comuni della valle[modifica | modifica sorgente]

A partire dal fondovalle si incontrano i comuni di:

Cultura[modifica | modifica sorgente]

La cultura Walser ha interessato nei secoli passati l'alta valle, in particolare la zona di Saint-Jacques, villaggio di Ayas, chiamata in passato "Canton des Allemands".

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Il Bivacco città di Mariano, prima di essere stato colorato di giallo nell'estate 2008

Il centro turistico più importante della valle è Champoluc, uno dei tre villaggi che formano il capoluogo di Ayas (insieme a Antagnod e a Saint-Jacques).

Per accedere alle vette che contornano la valle e per l'escursionismo di alta quota è possibile utilizzare alcuni rifugi alpini e bivacchi collocati nell'alta valle:

La valle è inoltre attraversata dall'Alta via della Val d'Aosta n. 1, dal Tour del Monte Rosa e dal Gran Sentiero Walser.

Strada carrozzabile[modifica | modifica sorgente]

La strada carrozzabile Verrès-Champoluc venne iniziata nel 1887 ed ultimata nel 1894[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ugo Torra, La Valle di Challant-Ayas e le sue antichità.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Storia e tradizioni
  • Abbé Louis Bonin, Vallée de Challand - Brusson - Guide et folk-lore, Mondovì, Mondovì Tipografia Commerciale, 1928.
  • Enrico Carità, Alla scoperta della Val d'Ayas, Ivrea: Priuli & Verlucca, 1994
  • Gianni Gasparini, Per Ayas: guida poetica alla Valle, Quart: Musumeci, 2004
  • Laura e Giorgio Aliprandi, Massimo Pomella (a cura di), Ricordo la Val d'Ayas = Je me souviens le Val d'Ayas, Ivrea: Priuli & Verlucca, 1975
  • Joseph Lale-Démoz, Dans le Val d'Ayas: émigration et petites industries, Augusta Praetoria, 3 1921, fasc. 11-12, pp. 272-282
  • Ayas: storia, usi, costumi e tradizioni della valle, con fotografie di Gianfranco Bini, Ayas: Società guide Champoluc, vol. 1-2, 1968
Geologia
  • Umberto Monterin, Sulla geomorfologia dell'alta Valle d'Ayas, 1924
  • Ornella Vergnano Gambi, Roberto Gabbrielli, La composizione minerale della vegetazione degli affioramenti ofiolitici dell'alta Valle di Ayas, 1981
Archeologia
  • Alina Piazza, Ayas, Pian Portola, roccia a coppelle, Bulletin d'études préhistoriques et archéologiques alpines, fascicolo 12, 2001, pp. 189-190.
  • Paolo Castello, Giancarlo Cesti, Miniere della Val d'Ayas, 2005
Flora
  • Irene Turbiglio, Consolata Siniscalco, Franco Montacchini, Gli alberi della Valle d'Ayas (Val d'Aosta), Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 40, 1986, pp 43-57.
Fauna
  • (IT) (EN) Fabio Casale, L'avifauna dell'alta Val d'Ayas (Valle d'Aosta, Italia, Alpi occidentali), Revue valdôtaine d'histoire naturelle, fascicolo 65, 2011, pp. 131–151.
  • Luigi Bisio, I coleotteri carabidi della Val d'Ayas (Valle d'Aosta) (coleoptera carabidae), in Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 59, 2005, pp. 45–77
Sport
  • Federico Fenu, Ayas e dintorni : storia, passeggiate, escursioni ed un po' di alpinismo, Ayas: Indygraf, 2009
  • Giorgio Merlo, Scialpinismo in Val d'Ayas: con traversate in Val di Gressoney e Valtournanche, Torino: CDA, 1981
  • Giorgio Merlo, Adriano Favre, Alpinismo e escursionismo in Val d'Ayas, 2. ed. aggiornata, Torino: CDA, 1989
  • Dino Barattieri, Gian Origlia, Guida sci alpinistica della Valle d'Ayas, Torino: Club alpino italiano. Sezione di Torino, 1965
  • Piergiorgio Bosio, Val d'Ayas: itinerari escursionistici, Quart: Musumeci, 1983
  • Marco Soggetto, Le vette della Val d'Ayas, Rimini, Escursionista editore, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle d'Aosta