Vacheron Constantin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vacheron Constantin SA
Logo
Stato Svizzera Svizzera
Fondazione 1755
Fondata da Jean-Marc Vacheron
Sede principale Ginevra
Gruppo Richemont
Settore Orologeria
Prodotti Orologi da polso di lusso
Slogan "Faire mieux si possible, ce qui est toujours possible" (trad.: "Fare di meglio se è possibile, ed è sempre possibile")[1]
Sito web www.vacheron-constantin.ch

La Vacheron Constantin è un'antica fabbrica di orologi, dal 1996 fa parte della società di prodotti di lusso Compagnie Financière Richemont SA.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Vacheron Constantin fu fondata il 17 settembre 1755 nel quartiere ginevrino di Saint-Gervais dall'orologiaio Jean-Marc Vacheron.[1] Inizialmente il laboratorio orologiaio era composto da Jean-Marc e da un suo apprendista. Risale all'anno della fondazione l'unico orologio della manifattura a recare la firma del fondatore.[1] Nel 1785 subentrò alla guida dell'attività il figlio del fondatore, Abraham Constantin. Durante gli anni della sua amministrazione l'attività, poi passata al figlio Jacques Barthélémi Constantin, ampliò la propria produzione. Risale al 1790 la prima complicazione realizzata dalla manifattura. Jacques Barthélémi Constantin subentrò al padre nel 1810: da allora inizia la produzione di esemplari più complicati, tra i quali si ricordano gli orologi in grado di produrre melodie differenziate.[1]

Esponendo in vari Paesi, riuscì ad affascinare clienti del calibro di Carlo Alberto di Carignano. Nel 1819 entrò a far parte della società François Constantin, che si occupò degli aspetti commerciali.[1] È sua la paternità del motto della manifattura. Nonostante l'esportazione di orologi in direzione degli USA fosse già cominciata nel 1811, solo nel 1832 apre il suo ufficio newyorchese il primo agente di commercio con sede americana, John Magnin. Tre anni dopo l'attività si estende anche in America del Sud. Nel 1875 l'azienda si trasferì nei nuovi locali in Rue des Moulins, dove ancora oggi è situata la sede, l'azienda occupa circa 400 dipendenti. Nel 1880 compare per la prima volta il logo a forma di croce di Malta.[1] Rispettivamente nel 1884 e nel 1889 vengono realizzati il primo orologio da tasca a double face e il primo orologio da polso da donna. Nel 1906 apre la prima boutique. Nel 1921 venne creato un orologio da polso per il mercato americano, oggi riproposto col modello American 1921 e noto per il suo quadrante con numeri disposti in modo alternativo, ruotati di circa una posizione in senso orario.

La manifattura si è sovente dedicata alla produzione di orologi ultrapiatti. Nel 1955 viene creato un movimento a carica manuale dello spessore di soli 1,64 millimetri.[1] Nel 1968 il risultato venne replicato con un movimento a carica automatica, dell'eccezionale spessore di 2,45 millimetri.[1] Nel 1992 viene realizzato un movimento a ripetizione di minuti (identificato col nome di Calibro 1755) dallo spessore di soli 3,28 millimetri.[1] Nel 1996 debutta invece la linea sportiva Overseas.[1]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Similarmente alle altre manifatture d'orologeria, anche Vacheron Constantin presenta più collezioni:

  • Collezione Patrimony: comprende orologi classici, reinterpretazioni dei grandi classici della manifattura.
  • Collezione Malte: comprende orologi contraddistinti dalla caratteristica forma tonneau. Le forme di questi orologi richiamano l'emblema della manifattura.
  • Collezione Quai de l'Ile: comprende orologi personalizzabili dal cliente.
  • Collezione Overseas: comprende orologi complicati e dedicati al mondo dello sport.
  • Collezione 1972: comprende orologi di forma asimmetrica.
  • Collezione Historiques: comprende reinterpretazioni dei segnatempo più celebri della manifattura.
  • Collezione Métiers d'Art: comprende orologi caratterizzati da un imponente apparato decorativo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Dal sito ufficiale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]