V'Zot HaBerachah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Da non confondersi con Berakhot o Berakhot (Talmud)

V'Zot HaBerachah, VeZot Haberakha, o Zos Habrocho (ebraico: וְזֹאת הַבְּרָכָה — tradotto in italiano: "ed ecco la benedizione", incipit di questa parashah) 54ª e ultima porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, decima nel Libro del Deuteronomio. Rappresenta il passo Deuteronomio 33:1-34:12, che gli ebrei della Diaspora leggono generalmente in settembre o ottobre durante il festival di Simchat Torah. Subito dopo aver letto la parashah V'Zot HaBerachah, gli ebrei leggono anche l'inizio della Torah, Genesi 1:1-2:3 (l'inizio della parashah Bereishit) quale seconda lettura biblica di Simchat Torah.

La parashah riporta la benedizione di commiato di Mosè alle Dodici tribù di Israele e poi la sua morte.

Letture[modifica | modifica wikitesto]

Nella lettura biblica tradizionale traditional dello Shabbat, la parshah è suddivisa in sette parti, o in ebraico: עליות?, aliyot. Nel testo masoretico del Tanakh (Bibbia ebraica), la Parshah V'Zot HaBerachah ha due divisione a "porzione aperta" (in ebraico: פתוחה?, petuchah) (circa equivalenti a paragrafi, spesso abbreviati con la lettera ebraica פ - peh, equivalente alla lettera italiana “P”). La prima porzione aperta (in ebraico: פתוחה?, petuchah) coincide con la prima lettura (in ebraico: עליה?, aliyah), e la seconda porzione aperta (in ebraico: פתוחה?, petuchah) comprende la rimanenza della parshah. Parshah V'Zot HaBerachah ha diverse altre suddivisioni, chiamate "porzioni chiuse" (in ebraico: סתומה?, setumah) (abbreviate con la lettera ebraica ס (samekh), equivalenti circa alla lettera italiana "S"), nell'ambito delle divisioni a porzione aperta (in ebraico: פתוחה?, petuchah). Le suddivisioni a porzione chiusa (in ebraico: סתומה?, setumah) spesso trattano discussioni di tribù separate.[1]

“Il Signore ... è giunto da mezzo delle miriadi dei santi; dalla sua destra usciva per essi una legge di fuoco.”[2]

First reading — Deuteronomy 33:1–7[modifica | modifica wikitesto]

Interpretazione intrabiblica[modifica | modifica wikitesto]

Interpretazione rabbinica classica[modifica | modifica wikitesto]

Analisi critica[modifica | modifica wikitesto]

Comandamenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella liturgia[modifica | modifica wikitesto]

Maqam settimanale[modifica | modifica wikitesto]

Haftarah[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) (IT) (HE) (YI)

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Cantillazione di Parashah Vezot Haberakhah 1

Commentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. per es., Menachem Davis, The Schottenstein Edition Interlinear Chumash: Devarim / Deuteronomy, 219–32. Brooklyn: Mesorah Publications], 2009. ISBN 1-4226-0210-9.
  2. ^ Deuteronomio 33:2


Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo