Věra Čáslavská

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Věra Čáslavská
Bundesarchiv Bild 183-F0528-0048-001, Amsterdam, Turn-EM der Frauen, Zuchold, Caslavska, Janz.jpg
Věra Čáslavská sul gradino più alto del podio ai Campionati europei del 1967 insieme a Erika Zuchold e Karin Janz
Dati biografici
Nazionalità Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Altezza 160 cm
Peso 58 kg
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram.svg
Dati agonistici
Ritirata 1968
Palmarès
Giochi olimpici 7 4 0
Mondiali 4 5 1
Europei 11 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Věra Čáslavská (pronuncia ceca [ˈvjɛra ˈtʃaːslafskaː]; Praga, 3 maggio 1942) è una ex ginnasta ceca. È la più decorata ginnasta ceca della storia con sette ori e quattro argenti olimpici, che rendono di lei la quattordicesima atleta più medagliata ai Giochi olimpici e la ginnasta con più vittorie a livello individuale, a cui si aggiungono quattro ori, cinque argenti e un bronzo ai Campionati del mondo e undici ori, un argento e un bronzo ai Campionati europei.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La Čáslavská è anche l'unica ginnasta, a livello sia maschile sia femminile, ad aver conquistato l'oro olimpico in ogni specialità individuale (concorso individuale, trave, volteggio, corpo libero, parallele asimmetriche). Tra il 1964 e il 1968 è stata imbattuta nel concorso individuale ad ogni manifestazione internazionale.

Oltre ai suoi successi sportivi, la Čáslavská è conosciuta per il suo dichiarato appoggio al movimento democratico cecoslovacco contro l'occupazione sovietica del 1968. Ai Giochi della XIX Olimpiade di Città del Messico manifesta la sua opinione distogliendo lo sguardo durante l'inno sovietico suonato durante le premiazioni dei concorsi della trave e del corpo libero, rendendola una persona non grata al nuovo regime, forzandola al ritiro e impedendole per molti anni di volare, lavorare o presenziare ad eventi sportivi. La situazione migliorò nel 1980 in seguito all'intervento del Comitato olimpico internazionale. Dopo la caduta della Cortina di ferro cominciò a ricevere i riconoscimenti negati, tra cui un periodo di presidenza del Comitato olimpico ceco.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • Roma - 1960: argento nel concorso a squadre.
  • Tōkyō - 1964: oro nella trave, nel volteggio e nel concorso individuale, argento nel concorso a squadre.
  • Città del Messico - 1968: oro nelle parallele, nel volteggio, nel corpo libero e nel concorso individuale, argento nel concorso a squadre e nella trave.
  • 1958 - Mosca: argento nel concorso a squadre
  • 1962 - Praga: oro nel volteggio, argento nel concorso individuale e a squadre, bronzo nel corpo libero.
  • 1966 - Dortmund: oro nella sbarra, nel concorso individuale e nel concorso a squadre, argento nel corpo libero e nella trave.
  • 1959 - Cracovia: oro nella trave, argento nel volteggio.
  • 1961 - Lipsia: bronzo nel concorso individuale.
  • 1965 - Sofia: oro nella trave, nelle parallele asimmetriche, nel corpo libero, nel volteggio e nel concorso individuale.
  • 1967 - Amsterdam: oro nel concorso individuale, nel volteggio, nelle parallele asimmetriche, nel corpo libero e nella trave.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 113044011 LCCN: nr91011463