Utente:Frankesko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
it Questo utente parla italiano come lingua madre.
en-3 This user is able to contribute with an advanced level of English.
es-2 Este usuario puede contribuir con un nivel intermedio de español.

Il manifesto che alcuni chiamano problematicità.

Questo utente è deluso dal fatto che su wiki le decisioni sono spesso arbitrarie, unilaterali, soggettive e parziali.
Per questa ragione pur contribuendo, ne conserva un'immagine come di uno strumento divertente, ma inaffidabile in merito ai criteri enciclopedici spesse volte applicati sulla base della soggettività; il che è coerente con i giudizi diffusi su Wikipedia nel mondo "reale", nel quale, se da un lato è esagerata la tendenza di pochi a dipingerla come un "falso", i dubbi della maggioranza trovano nutrimento proprio in questa capillare arbitrarietà, che si manifesta in particolare a livello delle voci "minori" e come tali soggette a facili invidie.
Evidenzia inoltre che IT wiki in particolare ha questa caratteristica in modo molto più forte che le altre; e questo è il solito vizio degli italiani, che pensano di avere sempre e comunque ragione.
Dal canto suo, continuerà a fare il massimo per preservare le voci cui collabora.
A titolo di esempio, ecco alcune voci che secondo la cosiddetta Comunità meritavano la cancellazione, e quindi sono state cancellate, dando prova di parzialità, ambiguità e unilateralità, così da impoverire e degradare i fondamenti stessi di un'istituzione che definisce se stessa "enciclopedia":
  • Premio Akery: uno dei premi storici della FS italiana;
  • Palazzetto bianco: una delle più significative realizzazioni architettoniche di Roma;
  • Terre di confine: una delle migliori riviste online di FS oggi esistenti in Italia.

Basta fare un giro in wikipedia per scoprire voci relative ad elementi talora persino meno (e certo non più) significativi di questi nelle rispettive categorie di pertinenza (i premi della FS, le opere architettoniche, le riviste di FS), come da me richiamato nelle discussioni (vanamente) intraprese al fine di evitare la cancellazione delle pagine in questione.

Una testimonianza giornalistica con cui in buona sostanza concordo è questa. Da utente ne confermo la veridicità.