Ursula Burns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ursula M. Burns

Ursula M. Burns (20 settembre 1958) è una manager statunitense, amministratore delegato della Xerox Corporation.

Laureata in ingegneria meccanica al Polytechnic Institute di New York, entrò in Xerox nel 1980.

Carriera in Xerox[modifica | modifica wikitesto]

Ursula Burns iniziò a lavorare in Xerox nel 1980 con uno stage estivo. Venne assunta un anno dopo, dopo aver conseguito un master. Ha lavorato in diversi ruoli e per diversi prodotti. La sua carriera subì un'inaspettata impennata quando nel gennaio 1990 divenne assistente di Wayland Hicks, senior executive. Divenne vice presidente del global manifacturing nel 1999 e nel 2000 fu nominata vice presidente anziano e iniziò a lavorare con la di lì a poco CEO Anne Mulcahy. Fu nominata CEO nel luglio 2009, succedendo alla Mulcahy, che rimase presidente fino al maggio 2010.[1]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Ursula Burns collabora per diverse società, tra cui American Express, Boston Scientific, FIRST, National Association of Manufacturers, Università di Rochester e la MIT Corporation.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ursula Burns ha sposato Lloyd Bean, che lavora anch'egli in Xerox,[2] e vive a Rochester, New York. Ha una figlia, Melissa (n. 1992) e un figlio adottivo, Malcolm (n. 1989) che frequenta il MIT.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adam Bryant, Xerox’s New Chief Tries to Redefine Its Culture in The New York Times, 20 febbraio 2010.
  2. ^ Betsy Morris, Xerox's dynamic duo in CNN, 19 novembre 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]