Urocyon cinereoargenteus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe grigia
Zoo América-2874f-Urocyon cinereoargenteus.jpg
Urocyon cinereoargenteus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Canidae
Genere Urocyon
Specie U. cinereoargenteus
Nomenclatura binomiale
Urocyon cinereoargenteus
(Schreber, 1775)
Areale

Leefgebied grijze vos.JPG

La volpe grigia (Urocyon cinereoargenteus Schreber, 1775) è un mammifero dell'ordine dei carnivori, diffuso in Nordamerica e Sudamerica, dal Canada meridionale al Venezuela settentrionale e alla Colombia[1]. Questa specie e la strettamente imparentata volpe delle isole (Urocyon littoralis) sono gli unici membri viventi del genere Urocyon, che è considerato uno dei più primitivi tra tutti quelli dei canidi viventi.

Descrizione e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Una volpe grigia in atteggiamento aggressivo, Florida settentrionale

Le volpi grigie si distinguono dalla maggior parte degli altri canidi per le loro parti superiori brizzolate, il collo marroncino e la coda dalla punta nera, mentre il cranio può essere distinto da quello di tutti gli altri canidi nordamericani per le sue creste temporali molto separate che formano una U. È presente poco dimorfismo sessuale, tranne che i maschi sono leggermente più grandi delle femmine. Le volpi grigie misurano dagli 800 ai 1125 mm di lunghezza. Le loro code misurano dai 275 ai 443 mm e i loro piedi posteriori dai 100 ai 150 mm. Pesano tra i 3,6 e i 6,8 kg[1].

L'abilità della volpe grigia nell'arrampicarsi sugli alberi è unica tra i canidi. I suoi artigli robusti e uncinati le consentono di arrancare sugli alberi per fuggire dai predatori o per cercare il cibo. Scende prevalentemente saltando di ramo in ramo. Le volpi grigie sono notturne o crepuscolari e durante il giorno si riposano in ceppi o in alberi cavi o in apposite tane[1].

Insieme alla volpe grigia, la volpe rossa (Vulpes vulpes) è la specie di volpe più comune in Nordamerica. Le due specie prediligono habitat differenti. La volpe rossa preferisce le aree collinari con insediamenti sparsi, tratti boschivi, acquitrini e ruscelli. La volpe grigia vive nelle aree arbustive, nelle paludi e negli aspri terreni montuosi. Dove i loro areali si sovrappongono, le più piccole volpi grigie tendono ad essere la specie dominante a causa del loro carattere più aggressivo[2]. La volpe grigia ha una voce simile a quella della volpe rossa, ma non abbaia spesso come l'altra e la sua voce è di toni più rumorosi e più alti[3].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le volpi grigie sono monogame. La stagione riproduttiva delle volpi grigie varia geograficamente; nel Michigan, le volpi grigie si accoppiano agli inizi di marzo, in Alabama, il picco riproduttivo si ha in febbraio[1]. Il periodo di gestazione dura circa 53 giorni. Le dimensioni della cucciolata variano da 1 a 7 piccoli. I volpacchiotti cominciano ad andare a caccia con i genitori all'età di tre mesi. A quattro mesi di età, i volpacchiotti hanno sviluppato la loro dentatura permanente e possono nutrirsi da soli. Il gruppo familiare rimane unito fino all'autunno, quando i giovani raggiungono la maturità sessuale e si disperdono[1].

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

Le volpi grigie sono cacciatrici solitarie e sono largamente onnivore. Predano in prevalenza i coda di cotone orientali (Sylvilagus floridanus), sebbene catturino facilmente anche arvicole, topi campagnoli, toporagni e uccelli. Le volpi grigie arricchiscono la loro dieta con ogni tipo di frutta facilmente disponibile e generalmente si nutrono di molte più sostanze vegetali delle volpi rosse (Vulpes vulpes)[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Urocyon cinereoargenteus in Animal Diversity Web. URL consultato il 19 agosto 2007.
  2. ^ Wildlife notes: Foxes in Pennsylvania Game commission. URL consultato il 9 settembre 2007.
  3. ^ Gray fox; Informational series in Wildlife in Connecticut. URL consultato il 19 agosto 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi