Urbano Navarrete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Urbano Navarrete, S.J.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Urbano Navarrete, Jesuit and Cardinal.jpg
Template-Cardinal (not a bishop).svg
Dilexit Ecclesiam
Incarichi ricoperti
Nato 25 maggio 1920, Camarena de la Sierra
Ordinato presbitero 31 maggio 1952 dall'arcivescovo Federico Melendro Gutiérrez, S.J.
Creato cardinale 24 novembre 2007 da papa Benedetto XVI
Deceduto 22 novembre 2010, Città del Vaticano

Urbano Navarrete Cortés (Camarena de la Sierra, 25 maggio 1920Città del Vaticano, 22 novembre 2010) è stato un cardinale spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 maggio 1952 fu ordinato presbitero dall'arcivescovo Federico Melendro Gutiérrez, S.J.

Professore di Diritto canonico, specializzato in Diritto matrimoniale, fu nominato nel 1980 rettore della Pontificia Università Gregoriana di Roma. Mantenne l'incarico fino al 1986.

Fu creato cardinale nel concistoro del 24 novembre 2007 da papa Benedetto XVI, ricevendo la diaconia di San Ponziano.

Era uno dei pochi cardinali viventi a non aver ricevuto anche l'ordinazione episcopale.

Si spense, all'età di 90 anni, il 22 novembre 2010 alle 8 del mattino a causa di un arresto cardiocircolatorio.

Le esequie si sono tenute il 24 novembre alle ore 11.30 all'Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. La santa messa è stata celebrata dal cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio Cardinalizio. Al termine della celebrazione eucaristica, il Santo Padre Benedetto XVI ha rivolto la sua parola ai presenti e ha presieduto il rito dell'ultima commendatio e della valedictio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Rettore della Pontificia Università Gregoriana Successore Estemma UniGreg.png
Carlo Maria Martini, S.J. 1980 - 1986 Gilles Pelland, S.J.
Predecessore Cardinale diacono di San Ponziano Successore CardinalCoA PioM.svg
- 24 novembre 2007 - 22 novembre 2010 Santos Abril y Castelló
Controllo di autorità VIAF: (EN9840111 · LCCN: (ENn82110298 · ISNI: (EN0000 0000 7820 2623 · GND: (DE119241110 · BNF: (FRcb11301991p (data)