Urato ossidasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
urato ossidasi
Manca un'immagine per questo enzima. Inseriscila tu!
Puoi caricare tu un'immagine dell'enzima (se disponibile) cercandola qui e seguendo le istruzioni riportate qui. Grazie!
Numero EC 1.7.3.3
Classe Ossidoreduttasi
Nome sistematico
urato:ossigeno ossidoreduttasi
Altri nomi
ossidasi dell'acido urico; uricasi; uricasi II
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB

L'urato ossidasi (sinonimo: uricasi) è un enzima, appartenente alla classe delle ossidoreduttasi, che è presente nei perossisomi di molti organismi (ma non dell'uomo) ed è attivo nel catabolismo delle purine. Catalizza l'ossidazione dell'acido urico a 5-idrossiurato. Il prodotto della reazione è instabile e si trasforma spontaneamente in allantoina, tuttavia in vivo esiste un enzima, 5-idrossiurato idrolasi che catalizza il primo passaggio di questa reazione, aumentandone la velocità.

L'urato ossidasi svolge anche un altro ruolo metabolico nel metabolismo delle ureidi nelle piante che formano noduli radicali (legumi). L'azoto viene convertito in metaboliti che sono trasportati dalle radici attraverso la pianta, per rifornire la pianta di azoto, necessario ad esempio per la sintesi di aminoacidi.

Reazione[modifica | modifica sorgente]

La reazione segue la seguente equazione:

Urato + O2 + H2O 5-idrossiurato + H2O2

Il perossido prodotto viene prontamente catabolizzato dalle perossidasi del perossisoma.

Meccanismo di reazione[modifica | modifica sorgente]

Sebbene alcuni studi indicassero la presenza di ioni rame, altri studi hanno dimostrato l'assenza di ioni metallici, rendendola l'unica ossidasi che non necessita né di ioni metallici né di cofattori organici per la catalisi. Esiste la possibilità che enzimi di diversi organismi utilizzino meccanismi di reazione differenti, alcuni dei quali richiedono ioni rame mentre altri non lo necessitano.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Le strutture tridimensionali delle urato ossidasi di Aspergillus flavus e di Bacillus SP. TB-90 sono state studiate per mezzo della cristallografia a raggi X. L'enzima è un omotetramero che contiene quattro siti attivi identici situati nell'interfaccia tra le sue subunità.

L'enzima è dotato di un numero variabile di aminoacidi a seconda della specie, che si aggira intorno ai 300 residui, con un peso molecolare intorno ai 35 kilodalton.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Sebbene l'urato ossidasi sia presente in quasi tutti gli organismi viventi, batteri, funghi, piante, animali, esso è assente in molti primati e in particolare anche nell'uomo. Nel genoma umano è presente un gene per l'urato ossidasi, reso non funzionale da due mutazioni. Data l'assenza di urato ossidasi l'acido urico è il prodotto finale del catabolismo delle purine nell'uomo: è stato ipotizzato che la perdita dell'enzima sia stato un vantaggio per i primati superiori in quanto l'acido urico è un potente antiossidante, la cui presenza protegge dall'attacco dei radicali liberi, prolungando l'aspettativa di vita e diminuendo l'incidenza dei tumori[senza fonte].

Usi terapeutici[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

La presenza di alte concentrazioni di acido urico nel sangue provoca la gotta. Urato ossidasi purificato da Aspergillus flavus, con il nome commerciale di uricozima e urato ossidasi ricombinante, con il nome commerciale di rabsuricasi, sono state utilizzate per il trattamento della gotta, soprattutto nel caso di iperuricemia nei pazienti trattati con chemioterapia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • London, M. and Hudson, P.B. Purification and properties of solubilized uricase. Biochim. Biophys. Acta 21 (1956) 290–298. Entrez PubMed 13363909
  • Mahler, H.R., Hübscher, G. and Baum, H. Studies on uricase. I. Preparation, purification, and properties of a cuproprotein. J. Biol. Chem. 216 (1955) 625–641. Entrez PubMed 13271340
  • Robbins, K.C., Barnett, E.L. and Grant, N.H. Partial purification of porcine liver uricase. J. Biol. Chem. 216 (1955) 27–35. Entrez PubMed 13252004
  • Kahn, K. and Tipton, P.A. Spectroscopic characterization of intermediates in the urate oxidase reaction. Biochemistry 37 (1998) 11651–11659. Entrez PubMed 9709003
  • Colloc'h, N., el Hajji, M., Bachet, B., L'Hermite, G., Schiltz, M., Prange, T., Castro, B. and Mornon, J.-P. Crystal structure of the protein drug urate oxidase-inhibitor complex at 2.05 Å resolution. Nat. Struct. Biol. 4 (1997) 947–952. Entrez PubMed 9360612
  • Imhoff, R.D., Power, N.P., Borrok, M.J. and Tipton, P.A. General base catalysis in the urate oxidase reaction: evidence for a novel Thr-Lys catalytic diad. Biochemistry 42 (2003) 4094–4100. Entrez PubMed 12680763