Urarina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sciamano Urarina, foto del 1988.

Gli Urarina sono un gruppo indigeno della amazzonia peruviana (dipartimento di Loreto), e vivono presso i fiumi Chambira, Urituyacu, e Corrientes.[1] Secondo ricerche archeologiche e storiche, abitano il bacino del Chambira da secoli. [2] Gli Urarina usano il termine Kachá (letteralmente: "persona"), per indicare loro stessi, mentre gli etnologi usano il termine Urarina. Il termine vernacolare locale per gli Urarina è Shimaku, e da loro è considerato un termine offensivo. L'etnonimo "Urarina" potrebbe essere derivato dal Quechua -- uray significa "sotto", e rina è una corruzione di runa, che significa "gente". Quindi in Quechua ci si riferisce a loro come uray-runa o "gente dal basso" o "gente del basso fiume".

Società e cultura[modifica | modifica sorgente]

La società e la cultura Urarina hanno ricevuto poca attenzione nella letteratura etnografica della regione. Descrizioni della gente Urarina sono state riportate da Castillo,[3] tramite le informazioni date da G. Tassmann nel suo testo Die Indianer Nordost-Peru,[4] e da osservazioni fatte da dei missionari e avventurieri contemporanei.

Gli Urarina sono una società semi-mobile di cacciatori e orticultori che conta circa 2000 persone. [5] I villaggi Urarina sono composti da diversi gruppi di case, situate su dei banchi presso i fiumi e corsi d'acqua del bacino di Chambira.

Gli Urarina possiedono una visione di un sistema cosmologico animista[6] basato sullo sciamanesimo ayahuasca, che si basa in parte sul consumo di Brugmansia.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

La lingua Urarina è stata classificata come lingua isolata da Terrence Kaufman (1990). Alcune parti della Bibbia sono state pubblicate nella lingua nel 1973.[7]

Mitologia[modifica | modifica sorgente]

Gli Urarina parlano di un mito riguardo a un diluvio, dove un uomo salvò sé stesso arrampicandosi su un albero di cudí (amasiza, Erythrina elei); la moglie dell'uomo venne trasformata in un nido di termiti che pendeva dall'albero, mentre i loro due figli diventarono degli uccelli. [8] In seguito l'uomo prese in moglie un'altra donna, una che aveva creato una vipera, un ragno e una formica gigante per cercare di fermare l'uomo. [9] Un altro mito, sempre correlato a un diluvio, parla di una inondazione avvenuta durante una festa dove si beveva birra di cassava, causato dall'urina della figlia del dio Ayahuasca, "che diede origine al mondo degli spiriti".[10]

Sopravvivenza[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i problemi come ecocidio, misure per la sanità inadeguate, [11][12] e appropriazione culturale,[13], gli Urarina hanno resistito alla violenza del colonialismo della regione Amazzonica, particolarmente durante la dittatura di Alberto Fujimori.[14]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dean, Bartholomew 2009 Urarina Society, Cosmology, and History in Peruvian Amazonia, Gainesville: University Press of Florida ISBN 978-0-8130-3378-5 [1]
  2. ^ Myers, Thomas P. e Bartholomew Dean - Cerámica prehispánica del río Chambira, Loreto. - Amazonía peruana, 1999 Lima, Pubblicato dal Centro Amazónico de Antropología y Aplicacíon Práctica. 13(26):255-288
  3. ^ Castillo, 1958, 1961
  4. ^ Tassmann, 1930, traduzione in spagnolo parziale nel 1987
  5. ^ Dr Knut Olawsky's photos, (ES) Peruecologico's Urarina factsheet
  6. ^ Dean, Bartholomew. "The Poetics of Creation: Urarina Cosmology and Historical Consciousness." Latin American Indian Literatures Journal 1994 10:22-45
  7. ^ Worldscriptures.org online Urarina data
  8. ^ Bartholomew Dean : "The Poetics of Creation : Urarina Cosmogony and Historical Consciousness", p. 26 In :- LATIN AMERICAN INDIAN LITERATURES JOURNAL, Vol. 10 (1994)
  9. ^ Bartholomew Dean : "The Poetics of Creation : Urarina Cosmogony and Historical Consciousness", p. 27 In :- LATIN AMERICAN INDIAN LITERATURES JOURNAL, Vol. 10 (1994)
  10. ^ Bartholomew Dean : "The Poetics of Creation : Urarina Cosmogony and Historical Consciousness", p. 31 In :- LATIN AMERICAN INDIAN LITERATURES JOURNAL, Vol. 10 (1994)
  11. ^ Bartholomew Dean et al., 2000 "The Amazonian Peoples’ Resources Initiative: Promoting Reproductive Rights and Community Development in the Peruvian Amazon." Health and Human Rights: An International Journal Special Focus: Reproductive and Sexual Rights François-Xavier Center for Health and Human Rights at Harvard University’s School of Public Health,Vol. 4, No. 2,
  12. ^ http://www.hsph.harvard.edu/fxbcenter/V4N2.htm]
  13. ^ Bartholomew Dean 2004 "digital vibes & radio waves in indigenous Peru" in Indigenous Intellectual Property Rights: Legal Obstacles and Innovative Solutions. (ed.) Mary Riley, Contemporary Native American Communities Series, 27-53 New York: Altamira Press, A Division of Rowman & Littlefield Publishers. [2]
  14. ^ Dean, Bartholomew. "State Power and Indigenous Peoples in Peruvian Amazonia: A Lost Decade, 1990-2000." In The Politics of Ethnicity Indigenous Peoples in Latin American States. Chapter 7, David Maybury-Lewis (ed.) Harvard University Press [3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]