Upskirt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Upskirt (da up: insù e skirt: gonna) è un neologismo slang di lingua inglese che definisce la tecnica della up skirt photography, ovvero la ripresa, con una macchina fotografica o una cinepresa o telecamera, della parte inferiore di una figura femminile ripresa dal basso verso l'alto in modo da evidenziarne la biancheria intima se non le nudità.

Tale tecnica - che viene usata anche per riproduzioni a disegni - nell'era di internet ha avuto una notevole diffusione soprattutto attraverso numerosi siti web, in particolare di contenuto pornografico, ma anche grazie a filmati diffusi attraverso YouTube e gli altri siti che distribuiscono clip online.[1]

Anche l'incremento nel numero dei blogger ha favorito l'estendersi del fenomeno, talvolta con ripercussioni legali nei paesi in cui questa tecnica di ripresa non è consentita.[2] Uno dei primi e più eclatanti esempi di upskirt è riconducibile ad un fotogramma tratto da una celebre sequenza del film Basic Instinct, in cui la protagonista - impersonata dall'attrice Sharon Stone - durante un interrogatorio cui è sottoposta dalla polizia, accendendosi in maniera sofisticata una sigaretta, accavalla con naturalezza le gambe in modo che risulti evidente che non indossa biancheria intima.

Voyeurismo[modifica | modifica wikitesto]

La raffigurazione di una moderna pin-up restituisce il senso della tecnica upskirt

La diffusione della tecnica dell'upskirt ha però origini più recenti. Nata quasi per gioco, attuata spesso con il consenso del soggetto fotografato, è stata favorita dalla maggiore diffusione dei mezzi di comunicazione di massa e dall'uso, non sempre appropriato, che si usa fare delle immagini per comunicare impressioni, sensazioni e informazioni.

La tecnica di foto-cine-ripresa si è diffusa in maniera notevole a partire dagli anni 2000 giungendo talvolta a violare in molti casi la privacy. Questo avviene quando le immagini riprese fotograficamente vengono realizzate in maniera occulta, ovvero senza che il soggetto ne sia consapevole, e quindi senza un esplicito consenso della persona fotografata/ripresa.

In questo caso, la tecnica dell'upskirt può essere considerata come una tendenza di tipo caratteriale equivalente a quella del voyeurismo o del feticismo.

A favorire una sempre maggiore diffusione del fenomeno si considera che sia stata anche la produzione e diffusione su larga scala dei moderni videotelefoni cellulari.

Considerazioni legali[modifica | modifica wikitesto]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Diversi stati in Australia hanno approvato leggi che rendono illegale riprendere immagini upskirt in luoghi pubblici senza il consenso del soggetto interessato.[3]

Giappone[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone, la upskirt photography non è vietata dalla legge sin dal 2002; tuttavia, distribuire immagini realizzate con tale tecnica potrebbe costituirne una violazione[non chiaro].

Nuova Zelanda[modifica | modifica wikitesto]

In Nuova Zelanda riprendere immagini di carattere voyeuristico riguardanti parti intime del corpo è illegale. Almeno limitatamente ove ci sia una ragionevole aspettativa di privacy. Questa limitazione, che comprende anche la distribuzione di materiale derivato dalla tecnica, è operante tanto in situazioni pubbliche quanto private.[4]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti sono state adottate, a livello locale, statale e federale, delle limitazioni legislative alla diffusione del fenomeno, sulla spinta del proliferare dei videotelefoni cellulari.[5]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la condotta della acquisizione di filmati ovvero di immagini relative comunque alla sfera intima e sessuale delle vita privata di una persona senza il consenso di questa svolgentesi nei luoghi indicati dall'art. 614 c.p. (violazione di domicilio), ossia nella propria abitazione o in altro luogo di privata dimora, può essere perseguita sia in sede civile sia in sede penale, configurandosi in quest'ultimo caso il delitto di interferenze illecite nella vita privata (art. 615bis c.p.). Ma la ripresa upskirt, laddove non costituisca una molestia, è stata giudicata non punibile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maureen O'Hagan, 'Upskirt' photographs deemed lewd but legal in The Seattle Times, The Seattle Times Company, 20 settembre 2002. URL consultato il 26 dicembre 2006.
  2. ^ Olanda, blogger filmavano sotto le gonne, denunciati, Reuters, 14 agosto 2007. URL consultato il 17 ottobre 2007.
  3. ^ Upskirting to become a crime in smh.com.au, The Sydney Morning Herald, 28 luglio 2006. URL consultato il 10 giugno 2007.
  4. ^ Law to stop voyeurs filming people in NZ Herald, APN Holdings NZ Limited, 25 ottobre 2006. URL consultato il 10 giugno 2007.
  5. ^ In Usa rubare foto col telefonino diventerà reato: 100 mila $ di multa e 1 anno di prigione in Supercom, Key4biz, 13 dicembre 2004. URL consultato il 17 ottobre 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]