Uomo al piano zero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uomo al piano zero
Titolo originale Ground Zero Man
Autore Bob Shaw
1ª ed. originale 1971
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Ambientazione Regno Unito
Protagonisti Lucas Hutchman
Altri personaggi Vicky Hutchman, Don Spain, Crombie-Carson

Uomo al piano zero è un romanzo di fantascienza del 1971 dello scrittore irlandese Bob Shaw, pubblicato inizialmente con il titolo Ground Zero Man, poi rivisitato ed ampliato nel 1985 con il titolo The Peace Machine.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lucas Hutchman lavora per un progetto missilistico del Regno Unito. Scoperto un metodo per attivare contemporaneamente tutte le testate atomiche, decide di mandare un ultimatum a tutti i governi: lascia una settimana di tempo dopo di che le farà esplodere tutte quante.

In lite con la moglie gelosissima, e inseguito dalla polizia e dai servizi segreti, riuscirà nel suo intento, solo per scoprire di aver fatto detonare le testate in volo e che da quel momento in poi le bombe nucleari saranno più complesse, per evitare di cadere sotto gli impulsi della macchina da lui creata.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo fu pubblicato nel luglio 1972 nel numero 596 della collana Urania e nel giugno 1983 nel numero 75 della collana Classici Fantascienza della Mondadori.

La copertine delle due edizioni sono di Karel Thole.

  • Bob Shaw, Ground Zero Man, Avon Books, 1971.
  • Bob Shaw, The Peace Machine, pp.160, Gollancz, 1985.
  • Bob Shaw, Uomo al piano zero, collana Urania n° 730, Arnoldo Mondadori Editore, 1972.
  • Bob Shaw, Uomo al piano zero, traduzione di Bianca Russo, collana Classici Fantascienza n° 75, Arnoldo Mondadori Editore, 1983, pp. 168.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]