Uomini senza legge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Uomini senza legge
Titolo originale Hors-la-loi
Lingua originale francese, arabo
Paese di produzione Francia, Algeria, Belgio
Anno 2010
Durata 137 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere drammatico, storico, guerra
Regia Rachid Bouchareb
Soggetto Rachid Bouchareb
Sceneggiatura Rachid Bouchareb
Olivier Lorelle
Produttore Jean Bréhat
Casa di produzione Tessalit Productions
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Christophe Beaucarne
Montaggio Yannick Kergoat
Musiche Armand Amar
Interpreti e personaggi

Uomini senza legge (Hors-la-loi) è un film del 2010 scritto e diretto da Rachid Bouchareb. Si tratta del seguito ideale di un precedente film del regista, Days of Glory del 2006.

Presentato in concorso alla 63ª edizione del Festival di Cannes, il film ha suscitato forti polemiche[1] per via del suo contesto storico che contempla il massacro di Sétif e Guelma ed altri avvenimenti legati alle vicende del colonialismo francese in Africa, argomento ancor oggi molto delicato in patria.

Il nome del film è la traduzione francese della parola araba fellagha (الفلاقة, "fuorilegge" o, in fusha, "tagliatore di teste"[2]) con cui si autodefinivano i combattenti indipendentisti autoctoni durante la guerra d'indipendenza algerina e che, al tempo, venivano chiamati in Francia i rebelles[3] ("ribelli").

Trama[modifica | modifica sorgente]

Verso la fine della Seconda guerra mondiale sul Fronte occidentale, le manifestazioni indipendentiste in Algeria (al tempo colonia francese) si fanno sempre più forti e frequenti fin quando la Francia soffoca queste rivolte nel sangue con il massacro di Sétif e Guelma l'8 maggio 1945: da qui parte la trama del film, che racconta la storia dei tre fratelli Saïd, Messaoud ed Abdelkader dalla guerra al 1962.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è costato con 19,5 milion di forniti dal Centre national du cinéma et de l'image animée (CNC), un organo del Ministero della cultura francese, e da Canal+, che detiene i diritti di distribuzione della pellicola; la produzione è stata guidata dalla Tessalit Productions insieme a France 2, France 3 ed altre compagnie algerine e belghe. Il film è stato girato in cinque mesi a partire dalla fine di luglio 2009 in molte location sia in Africa (Algeria e Tunisia), sia in Europa (Parigi, Charleroi e Bruxelles, Germania), sia negli Stati Uniti d'America (palazzo di vetro dell'ONU a New York)[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] Articolo su Hors-la-loi su Nigrizia.
  2. ^ [2] Voce "fellagha" sul sito Trésor de la langue française informatisé.
  3. ^ Serge Bromberger, Les rebelles algériens; 1958.
  4. ^ Fabien Lemercier, Bouchareb launches into Outside the Law in Cineuropa.org, 23 luglio 2009. URL consultato il 29 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema