Unua libro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
"Unua Libro por Rusoj" (per russi), Pubblicato a Varsavia nel 1887

L'Unua Libro (Primo Libro) fu la prima pubblicazione a descrivere la lingua ausiliaria internazionale esperanto (allora conosciuta come lingvo internacia, "lingua internazionale"). Fu pubblicato inizialmente in russo il 26 luglio 1887, e in seguito ripubblicato nuovamente in russo nel 1888, in ebraico nel 1889 e successivamente in polacco, francese, tedesco e inglese. Questo libretto includeva una versione in esperanto del Padre Nostro, alcuni versi della Bibbia, un modello di lettera, due poesie originali (Mia penso e Ho, mia kor'), le sedici regole grammaticali della lingua e 900 radici del vocabolario. Zamenhof dichiarò, "una lingua internazionale, come una nazionale, è proprietà di tutti." Zamenhof firmò il lavoro con lo pseudonimo di "Doktoro Esperanto", che in seguito sarà adottato come nome della lingua che, in esperanto, significa "colui che spera".

Nel 1905 Zamenhof ripubblicò le sedici regole grammaticali, insieme ad un "dizionario universale" e una collezione di esercizi, in un'opera intitolata Fundamento de Esperanto. Nello stesso anno, durante il primo Congresso Mondiale d'Esperanto che si tenne a Boulogne-sur-Mer, in Francia, venne rilasciata una dichiarazione, che recitava:

« Le uniche basi della lingua esperanto fisse per tutti gli esperantisti, che nessuno ha il diritto di cambiare, sono il piccolo lavoro Fundamento de Esperanto. Se qualcuno non concorda con le regole e i modelli dati nella suddetta opera, non potrà mai giustificarsi con le parole "così desidera o consiglia l'autore dell'esperanto". Tutti gli esperantisti hanno il diritto di esprimere le loro idee, che non sono ben espresse dal materiale presente nel Fundamento de Esperanto, nella maniera ritenuta più corretta, come è giusto che sia per ogni altra lingua. Tuttavia, per l'unità della lingua per tutti gli esperantisti viene raccomandato di imitare il più possibile lo stile che si può trovare nelle opere del creatore dell'esperanto, che ci ha lavorato per più tempo e conosce meglio il suo spirito. »
(L.L. Zamenhof)

Tuttavia, l'aver dichiarato la lingua "proprietà comune" consistette in definitiva nell'abrogazione totale dei diritti e dei privilegi personali di Zamenhof quale suo creatore, lasciando però la lingua soggetta a forti controlli sulle sue modifiche.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Le ristampe dell'Unua Libro non hanno codice ISBN.