Universo oscillante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Universo
Big bang manifold (it).png
Struttura a grande scala dell'universo
Singolarità gravitazionale
Inflazione cosmica
Varianza cosmica
Universo di de Sitter

La teoria dell'universo oscillante o modello ciclico è una teoria, proposta la prima volta da Aleksandr Aleksandrovič Fridman basandosi sulla relatività generale di Albert Einstein, secondo la quale l'universo si espanderà fino ad un certo punto, e poi si ritrarrà in uno stato simile a quello del Big Bang, quindi si verificherà una nuova nascita con la ripetizione del processo per l'eternità. Al momento non si conoscono metodi per verificare o meno la fondatezza di questa teoria. Questo tipo di modello e i suoi derivati si contrappongono, nella cosmologia standard, ai numerosi modelli inflazionari, il più accreditato dei quali è l'inflazione caotica o teoria delle bolle.

Questo modello presenta alcune analogie con i concetti filosofici antichi di ecpirosi, apocatastasi ed eterno ritorno.

Il modello classico e il "grande rimbalzo"[modifica | modifica wikitesto]

La teoria inizia in modo simile a quella del Big Bang, che sostiene che l'universo iniziò da uno stato in cui tutta la materia ed energia erano compresse a densità infinite, e si espansero a formare l'Universo attuale. La teoria segue poi il percorso di quella del Big Crunch, secondo cui l'Universo in futuro si contrarrà di nuovo in uno stadio di temperatura e densità infinite, se la forza di gravità complessiva dell'Universo è sufficiente. La teoria dell'Universo oscillante sostiene che questo processo si ripeterà, attraverso il meccanismo del Grande Rimbalzo (Big Bounce).

Il modello ekpirotico delle stringhe[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Multiverso, Teoria delle stringhe, Mondo-brana, Teoria M e Big Splat.

Previsto dalla teoria delle stringhe, spiega ogni Big Bang come una collisione tra un mondo-brana (universo piatto a forma di foglio o membrana) del multiverso e un altro (Big Splat o modello ekpirotico), collisioni che avverrebbero in modo ciclico. Questo modello, ideato da Neil Turok e Paul J. Steinhardt, secondo le affermazioni di Michio Kaku, mostra come il Big Bang ha avuto origine, ma non esclude che l'inflazione caotica (che secondo alcuni dati osservativi sarebbe plausibile) ne sia una delle conseguenze, avendo quindi alcuni universi per ogni membrana, e molti universi di bolle, per un ampio multiverso. Difatti spiega il prima dell'universo e non quello che avvenne dopo la sua apparente "nascita" 13,7 miliardi circa di anni fa.

La cosmologia ciclica conforme[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cosmologia ciclica conforme.

Prevede la divisione dell'universo in infiniti eoni spaziotemporali, che si evolvono dalla fine di ogni universo, in cui sono presenti solo fotoni e onde gravitazionali, in un nuovo Big Bang. La differenza con il modello originale è che l'universo non si ritrae, per effetto dell'energia oscura, identificata però in una radiazione gravitazionale supplementare che sopravvive all'evaporazione dei buchi neri del processo di Hawking.