Università volante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

L'Università volante (in polacco Uniwersytet Latający, meno spesso tradotta come "Università Mobile") è stata una università fuorilegge in Polonia, che permetteva di studiare nonostante le repressioni russe seguenti alla rivolta polacca (1863-1865). Essa è rimasta attiva dal 1885 al 1905 e nuovamente dal 1977 al 1981.

PUNO - logo (dal sito ufficiale)

L'Università volante è stato il nome che definiva una attività educativa contro la cultura di regime[1] [2] che ha operato dal 1885 al 1905 a Varsavia, la capitale storica polacca, poi sotto il controllo dell'Impero russo, e che fu ripresa tra il 1977 e il 1981 nella Repubblica Popolare di Polonia. Lo scopo di questa e di simili istituzioni era quello di fornire alla gioventù polacca l'opportunità di una formazione nell'ambito del tradizionale sistema di studio polacco quando entrò in collisione con l'ideologia delle autorità di governo. Nel XIX secolo, tali istituzioni clandestine erano importanti a livello nazionale per resistere alla germanizzazione e alla russificazione, rispettivamente, sotto l'occupazione prussiana e russa.[3] Nella Repubblica Popolare di Polonia comunista, l'Università volante ha fornito opportunità educative al di fuori della censura del governo e il controllo dell'istruzione formativa.[4]

Le istituzioni che rivendicano una parentela spirituale con l'Università volante sono esistite in Polonia, in una forma o nell'altra, dal 1905. L'istituzione è ora conosciuta come la Società per corsi di formazione (Towarzystwo Kursów Naukowych).

Legalizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Intorno al 1905–1906 l'Università volante è stata autorizzata[5] ad avviare attività legali, ed è stata trasformata in Società di corsi di scienze (Towarzystwo Kursów Naukowych),.[6] come una divisione polacca, anticipando la prossima guerra, ed ha cercato di convincere i polacchi ad aderire alla loro causa.[3] Intorno al 1918–1919, dopo che la Polonia ha riacquistato l'indipendenza (come Seconda Repubblica di Polonia), nel 1927 ha fondato una sede a Łódź, dalla quale è derivata poi l'Associazione che è stata trasformata in una Università privata, Università libera di Polonia (Wolna Wszechnica Polska).[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Brock, John Stanley, Piotr J. Wróbel, Nation And History, p. 167, University of Toronto Press, 2006, ISBN 0-8020-9036-2
  2. ^ Betty Jean Lifton, The King of Children: The Life and Death of Janusz Korczak, p. 35, St. Martin's Press, 1997, ISBN 0-312-15560-3
  3. ^ a b David Palfreyman (ed.), Ted Tapperm, Understanding Mass Higher Education, Routledge (UK), 2004, ISBN 0-415-35491-9, Google Print, pp. 141–142.
  4. ^ Barbara J Falk, The Dilemmas of Dissidence in East-Central Europe: Citizen Intellectuals and Philosopher Kings, Central European University Press, 2003, ISBN 963-9241-39-3, Google Print, p. 42.
  5. ^ Dall'Impero Russo che ancora controllava la maggior parte della Polonia attuale (il Regno del Congresso).
  6. ^ a b Norman Davies, God's Playground: A History of Poland, Columbia University Press, 1982, ISBN 0-231-05352-5, Google Print, p. 235.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]