Università Cattolica Pázmány Péter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Università Cattolica Pázmány Péter (Pázmány Péter Katolikus Egyetem)
Logo univpazmany.svg
Stato (HU)
Città Budapest, Esztergom, Piliscsaba
Nome latino Universitas Catholica de Petro Pazmany Nominata
Soprannome PPKE, PPCU
Fondazione 12 maggio 1635
Tipo privata
Facoltà 5
Rettore Msgr. Prof. Dr. Szabolcs Anzelm Szuromi O.Praem
Studenti 9 469 (2 009) 008_2 009_091 207,pdf Statistica dell'Educazione nell'Anno Accademico 2 008/2 009 (PDF)  Ministero dell'Educazione e della Cultura (in ungherese),
Affiliazioni IRUN
IFCU/FIUC
FUCE
CEECU
IAU
DRC
REVACERN
ELC
EAIE
Sito web [http://www.ppke.hu www.ppke.hu]
 

L'Università Cattolica Pázmány Péter è un'università privata della Chiesa Cattolica in Ungheria, riconosciuta dallo stato ungherese. Fondata nel 1635,[1] quest'università è tra le più antiche e prestigiose istituzioni del paese. Circa 10.000 studenti frequentano programmi diversi di laurea triennale, magistrale e corsi di dottorato. L’università ha numerose cooperazioni internazionali, fa parte del progetto Erasmus e ha numerosi accordi bilaterali. Nel 2009 ha ricevuto un titolo di prestigio per essere uno tra i membri più attivi del progetto Erasmus.[2] È uno dei soci fondatori dell’IRUN (International Research Universities Network) e ha accordi importanti con Radboud Universiteit Nijmegen, Università di Lovanio, Pontificia Universidad Javeriana a Bogotá, Saint Louis University e University of Notre Dame.

Rettori[modifica | modifica sorgente]

  • 1992-1998 Msgr. Dr. Ferenc Gál
  • 1998-2003 Msgr. Prof. Dr. Péter Erdő
  • 2003-2011 Msgr. Prof. Dr. György Fodor
  • 2011- Msgr. Prof. Dr. Szabolcs Anzelm Szuromi O.Praem

Cancellieri maggiori[modifica | modifica sorgente]

Educationi[modifica | modifica sorgente]

Le facoltà[modifica | modifica sorgente]

L'università ha cinque facoltà e due istituti.

Stephaneum, edificio principale della Facoltà di Lettere e Filosofia

Facoltà di Lettere e Filosofia[modifica | modifica sorgente]

La Facoltà di Lettere e Filosofia fu fondata il 30 gennaio 1992 (decreto 46/1992.) dal Convegno dei Vescovi Ungheresi, con il permesso no. Prot. N.223/91/9 (il 30 gennaio 1992.) della Congregazione per l'Educazione Cattolica della Sede Apostolica. La fondazione fu accettata dal governo ungherese il 25 maggio 1993.[3]

La facoltà si trova a Piliscsaba. Il campus fu creato da baracche dell'esercito sovietico, la grandezza del territorio è 220,000 m². Essendo parte dell'area naturale protetta, solo speciali edifici che armonizzavano con il paesaggio hanno ricevuto il permesso di esser costruiti. Gli edifici furono progettati dal gruppo di Imre Makovecz e sono diventati una pietra miliare dell'architettura organica ungherese. Il campus ha una stazione ferroviaria chiamata Pázmáneum, dal 1995, e anche una fermata di pullman, dal 1996, per questo è facilmente raggiungibile sia da Budapest che da Esztergom in meno di un'ora. La maggior parte degli studenti fa il pendolare ogni giorno, ma ci sono anche collegi situati in-campus e nel villaggio.

Facoltà di Teologia[modifica | modifica sorgente]

La Facoltà di Teologia fu fondata dal cardinale Péter Pázmány il 12 maggio 1635, da allora è aperta. Si trova a Budapest.

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche[modifica | modifica sorgente]

Fu fondata il 24 giugno 1998 dal Convegno dei Vescovi Ungheresi con il permesso 1246/1998. Il governo ungherese ha accettato la proposta il 20 luglio 2001. Si trova a Budapest.

Facoltà di Legge e Scienze Politiche[modifica | modifica sorgente]

Fu fondata il 3 aprile 1995 con il permesso 503/1995. Si trova a Budapest.

Facoltà di Scienze dell'Educazione János Vitéz[modifica | modifica sorgente]

L’università János Vitéz fu fondata il 3 novembre 1842[4] e venne integrata nell’ Università Cattolica Pàzmàny Pèter come Facoltà di Scienze dell’Educazione Vitéz János il 1º gennaio 2008. Si trova ad Esztergom, vicino alla Basilica di Esztergom.

Istituti[modifica | modifica sorgente]

Istituto Postgraduale del Diritto Canonico[modifica | modifica sorgente]

L’ Istituto Postgraduale del Diritto Canonico è una facoltà che funziona indipendentemente dalla Facoltà di Teologia. Fu fondata il 30 novembre 1996 dalla Sede Apostolica con il decreto N.975/96. Si trova a Budapest.

Collegium Hungaricum[modifica | modifica sorgente]

Il Collegium Hungaricum (ufficialmente Collegium Hungaricum Lovaniense, prima la dimora del cardinale Mindszenty) è una casa per studenti universitari, ricercatori e professori ungheresi a Blijde Inkomstraat 18 Lovanio (25 km da Bruxelles). Il proprietario dell’edificio è il preposito ungherese dell’Ordine Gesuita, ma l’ Università Cattolica Pázmány Péter è il sostenitore.[5]

Ricerca[modifica | modifica sorgente]

Hungarian Bionic Vision Center[modifica | modifica sorgente]

Lo scopo del Hungarian Bionic Vision Center (Centro Ungherese per la Vista Bionica) è di ridare l’abilità della vista alle persone prive della vista e di migliorare la loro vita con l’aiuto medico e tecnologico. Programmi di ricerca sono offerti per osservare nuove tecnologie e metodi medici.[6]

Sito web: lataskozpont.itk.ppke.hu

Robot Lab[modifica | modifica sorgente]

Il progetto Robot Lab unisce idee eccezionali ispirate dalla biologia e dalla tecnologia informatica per migliorare la costruzione dei robot e, in questo modo, la vita umana. I principali punti del progetto sono i seguenti: come si possa creare protesi migliori? Può la neurobiologia aiutarci a creare nuovi robot a telecomando per elicotteri? Siamo capaci ad insegnare un robot bipede a camminare come noi abbiamo imparato a farlo? Che rapporto funzionale esiste tra la percezione visuale e quella tattile?[7]

Jedlik Ányos Laboratorio di Ricerca e Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Jedlik Ányos Laboratorio di Ricerca e Sviluppo è un nuovo Science-Education-Technology Center (Centro di Scienze-Educazione-Tecnologia) dove i vantaggi del lavoro multidisciplinare vengono messi in rilievo nell’ambito scientifico e tecnologico. All’inizio le aree di ricerca fondamentali erano quelle dell’Info-bionics, Sensor-computing, Telepresence e Language Technology (Tecnologia della Lingua). Anche altre aree come Nanotecnologia, biotecnologia e progettazione di circuiti VLSI IC design sono diventati importanti ambiti di ricerca negli ultimi tempi. La mission del laboratorio è di creare collegamenti tra la ricerca individuale condotta in laboratori separati e l’educazione universitaria, includendo progetti R&D. I professori-ricercatori e gli studenti formano un gruppo nel quale l’innovazione e lo studio si sviluppano vicendevolmente, integrando le conoscenze reciprocamente, con la cooperazione e l’aiuto di laboratori di ricerca prestigiosi e aziende high-tech. L’altro aspetto specifico del Centro sono le cosiddette ”scienze della vita”, in particolare la neurobiologia, genetica e immunologia. Il Laboratorio si trova alla Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche, ma è in cooperazione attiva con gli istituti fondatori e con quelli hanno aderito successivamente al programma. Gli istituti fondatori sono i seguenti: istituti dell’Accademia Ungherese delle Scienze (Magyar Tudományos Akadémia), come Istituto di Ricerca del Computer e Automazione, Istituto di Ricerca della Medicina Sperimentale, Reparto di Neurobiologia all’Università Semmelweis, Istituto di Ricerca della Fisica Tecnica e Scienze Naturali, Istituto di Ricerca di Psicologia, Istituto dell’Enzimologia, Richter Gedeon Co. ed Ericsson Hungary Ltd.[8]
Sito web in inglese: Jedlik Laboratories

Centro di Ricerca per la Legge Competitiva[modifica | modifica sorgente]

È stato fondato nel 2006 alla Facoltà di Legge e Scienze Politiche. Gli scopi principali del Centro sono di organizzare convegni specializzati, pubblicare articoli e libri di ricerca e propagare la cultura della competizione.[9]
Sito web (in ungherese): www.versenyjog.com

Missione Archeologica Sirio-Ungherese: Scavi di Margat[modifica | modifica sorgente]

La missione è un programma di ricerca dell’Università Cattolica Pázmány Péter. Il suo scopo è di scavare e restaurare la Fortezza di Margat che è la fortezza più grande del Medio Oriente dall’era delle crociate. La missione viene condotta dall’archeologo Balázs Major.[10] Questa enorme fortezza è storicamente collegata all’Ungheria. Nel 1218 il re Andrea II d'Ungheria visitò la fortezza e offrì un beneficio annuale di 1000 monete d’argento per la sua manutenzione.[10] Secondo Balázs Major, ”la scoperta più affascinante deve essere il dipinto murale della cappella”. Questo è il dipinto murale più vasto delle crociate trovato sulla Terra Santa, ed è unico dall’aspetto iconografico.[10]

Avicenna Institute of Middle Eastern Studies[modifica | modifica sorgente]

L’Avicenna Institute of Middle Eastern Studies (Istituto Avicenna degli Studi del Medio Oriente) è un centro di ricerca non-profit, il suo scopo principale è di offrire borse di studio nel campo degli studi sul Medio Oriente. I progetti principali sono l’organizzazione di convegni e workshop pubblici e internazionali, pubblicare monografie scientifiche e offrire borse di studio a ricercatori giovani. Hanno collegamenti non solo con l’ Università Cattolica Pázmány Péter, ma con l’Université Saint-Joseph e l’Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". L’Istituto è stato fondato per condurre ricerche che aiutano a conoscere meglio e capire la cultura araba, turca e persiana per dare consigli ai politici, persone che lavorano nei media e businessmen interessati al Medio Oriente, per diffondere informazioni e per evitare fraintendimenti nel dialogo interculturale. I progetti in processo dell’Istituto:

  • analizzare i fattori di continuità e discontinuità del legato islamico per capire i cambiamenti e gli sviluppo nel mondo islamico, specialmente al campo della filosofia, teologia, scienze politiche e letteratura sia moderna che classica,
  • organizzare convegni e workshop pubblici e internazionali,
  • pubblicare monografie e volumi di convegno,
  • offrire borse di studio a ricercatori giovani che ricercano per la loro dissertazione[11]

Persone famose[modifica | modifica sorgente]

Dottori honoris causa[modifica | modifica sorgente]

Professori[modifica | modifica sorgente]

Alumni[modifica | modifica sorgente]

Il numero degli alumni dell’università è circa 26,000[39].

  • Tibor Benedek (2005) – giocatore di pallanuoto, campione olimpico, mondiale ed europeo[40]
  • Gergely Gulyás (2004) – ministro, vicepresidente della Commissione dei Diritti Umani, Minoranze, Affari Civili e Religiosi[40]
  • Péter Harrach (1995) – ex-vicepresidente della Camera dei Deputati del Parlamento Ungherese[40]
  • Máté Kocsis (2004) - sindaco del 7. distretto di Budapest[40]
  • András Koltay (2002) – membro del Consiglio di Media[40]
  • Karolina Kosztrihán – presentatore del canale radio ClassFM[40]
  • Tamás Gergely Kucsera (2000) – ex-consigliere presidenziale dell’Accademia Ungherese delle Scienze[40]
  • István Madarász – regista del film "Hungary - World of Potentials"[40]
  • László Mécs - alpinista, membro del primo gruppo ungherese che è riuscito ad arrivare sulla cima del Mount Everest[40]
  • Bence Rétvári (2003) - ministro, segretario di stato del Ministro di Amministrazione Pubblica e della Giustizia[40]
  • Atala Schöck (1998) – cantante di opera lirica[40]
  • Zsolt Semjén (1997) – vice-primo ministro, ministro senza portafoglio[40]
  • Ádám Steinmetz (2006) – giocatore di pallanuoto, campione olimpico[40]
  • Barnabás Steinmetz (2005) - giocatore di pallanuoto, campione olimpico[40]
  • András Stumpf (2004) – giornalista del Heti Válasz[40]
  • Gergő Süveges – presentatore del canale MTV[40]
  • Anett Szabó (2004) – presentatrice del canale HírTV[40]
  • László Székely-Mádai – giocatore di hockey su ghiaccio della squadra del FTC[40]
  • Ferenc Török – regista del film "Moszkva tér"[40]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Storia dell'università in ungherese, Università Cattolica Pázmány Péter.
  2. ^ Erasmus, higher education: Creativity and Innovation, European Success Stories (in inglese) (PDF), European Commission (Commissione Europea).
  3. ^ Storia della facoltà (in inglese), Università Cattolica Pázmány Péter Facoltà di Lettere e Filosofia.
  4. ^ La storia vera della Facoltà Vitéz János (in ungherese), Università Cattolica Pàzmàny Pèter.
  5. ^ Collegium Hungaricum: Storia del Collegium (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  6. ^ Hungarian Bionic Vision Center, Università Cattolica Pázmány Péter.
  7. ^ Robot Lab (in inglese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  8. ^ Jedlik Ányos Laboratorio di Ricerca e Sviluppo, Università Cattolica Pázmány Péter.
  9. ^ Il Centro di Ricerca per la Legge Competitiva (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  10. ^ a b c Faculty of Humanities Professor Excavating World's Largest Crusader Fortress in Syria (in inglese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  11. ^ The Avicenna Institute of Middle Eastern Studies | Fondation Anna Lindh
  12. ^ Dottori honoris causa: Max van der Stoel (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  13. ^ Dottori honoris causa: Urbano Navarrete (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  14. ^ Dottori honoris causa: Paul Poupard (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  15. ^ Dottori honoris causa: Bartolomeo (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  16. ^ http://www.katolikus.hu/news/20010426.html (in ungherese)
  17. ^ Dottori honoris causa: Franciszek Antoni Macharski (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  18. ^ Dottori honoris causa: Alfred Bayer (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  19. ^ http://ujember.katolikus.hu/Archivum/2004.09.26/0402.html (in ungherese)
  20. ^ http://www.jak.ppke.hu/kar/crawford.htm (in ungherese)
  21. ^ http://www.jak.ppke.hu/kar/ornaghi.htm (in ungherese)
  22. ^ Rettore dell'Università di Milano riceve dottorato honoris causa in Ungheria (in ungherese), Magyar Kurír, 15 novembre 2005.
  23. ^ http://www.btk.ppke.hu/pressroom/ppcu-faculty-of-humanities-news/pazmany-peter-university-laureates-john-lukacs.html (in inglese)
  24. ^ Dottori honoris causa: John Lukacs (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  25. ^ http://www.btk.ppke.hu/pressroom/ppcu-faculty-of-humanities-news/ppcu-laureates-honduras-cardinal.html (in inglese)
  26. ^ Dottorati honoraris causa: Oscar Andres Rodriguez Maradiaga S.D.B. (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  27. ^ Dottorati honoris causa: Zenon Grocholewski (in ungherese), = Università Cattolica Pázmány Péter.
  28. ^ (in inglese) Università Cattolica Pázmány Péter dà laurea a Miklós Vető, Università Cattolica Pázmány Péter Facoltà di Lettere e Filosofia.
  29. ^ a b Laurea dall'Università Cattolica Pázmány Péter (in ungherese), Magyar Kurír, 6 maggio 2011.
  30. ^ Università Cattolica Pázmány Péter Pázmány dà una laurea a Shenūda III., papa della Chiesa copta, Magyar Kurír, 20 agosto 2011.
  31. ^ PPCU Laureates Jean-Luc Marion (in inglese), Università Cattolica Pázmány Péter Facoltà di Lettere e Filosofia.
  32. ^ Curriculum vitae di Dr. Rózsa Hoffmann (in ungherese), Governo ungherese.
  33. ^ Organisation: Wissenschaftlicher Bereich, Max Planck Institute for Comparative Public Law and International Law.
  34. ^ PPKE BTK, Piliscsaba - PPCU Faculty of Humanities News - Faculty of Humanities Professor Excavating World's Largest Crusader Fortress in Syria
  35. ^ I presidenti (in ungherese), Accademia Ungherese delle Scienze.
  36. ^ Bureau: Members, Union académique internationale.
  37. ^ CV di Gábor Proszéky (in ungherese) (PDF), Università Cattolica Pázmány Péter.
  38. ^ CV di Tamás Roska (in ungherese) (PDF), Università Cattolica Pázmány Péter.
  39. ^ Pázmány Alumni (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.
  40. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Sito web delle ammissioni: Alumni (in ungherese), Università Cattolica Pázmány Péter.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]