Unione per la Repubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il partito politico sammarinese, vedi Unione per la Repubblica (San Marino).
Unione per la Repubblica
Leader Francesco Cossiga
Stato Italia Italia
Fondazione 5 novembre 1999
Dissoluzione 21 maggio 2001
Ideologia Cristianesimo democratico
Collocazione Centro
Coalizione Il Trifoglio
Seggi massimi Camera
8 / 630
 (1999)

L'Unione per la Repubblica (UpR) è stato un partito politico italiano attivo tra il 5 novembre 1999[1] e il 21 maggio 2001.[2][3]

La formazione fu creata su iniziativa del senatore a vita Francesco Cossiga, reduce dall'esperienza dell'Unione Democratica per la Repubblica da lui fondata.

Alla Camera, l'Upr raccolse l'adesione di otto deputati[4]. Di questi, sei appartenevano al gruppo di Rinnovamento Italiano: Giorgio Rebuffa e Angelo Sanza, che in precedenza avevano aderito all'UDR, Demetrio Errigo, Bonaventura Lamacchia, Gianfranco Saraca e Ernesto Stajano. A questi si aggiunsero due deputati provenienti dal Partito Popolare Italiano, Andrea Guarino e Paolo Manca; entrambi avevano fatto parte di Rinnovamento Italiano.

L'UpR, tuttavia, non si costituì mai in gruppo parlamentare. Il movimento aderì comunque alla coalizione del Trifoglio insieme ai Socialisti Democratici Italiani e al Partito Repubblicano Italiano: in questo contesto, l'UpR avrebbe dovuto costituire l'anima cristiano democratica.

Il movimento rimase privo di grandi visibilità. Dopo la fine del Trifoglio[5] e alcune defezioni (Lamacchia e Saraca aderirono all'UDEUR)[6], Cossiga invitò i suoi membri ad aderire a Forza Italia[7]. Fu così che Errigo, Guarino, Rebuffa, Sanza e Stajano aderirono al partito di Silvio Berlusconi. Manca restò invece nel gruppo misto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Sono stufo, D'Alema si preoccupi"
  2. ^ Cossiga: sciolgo l'Upr Ha esaurito il suo ruolo
  3. ^ Cossiga lascia soli i suoi «quattro gatti»
  4. ^ Cossiga «cresce», governo a rischio
  5. ^ Strappo di Boselli, addio a Cossiga
  6. ^ L'ennesimo «balzo» dell'ex forzista Saraca: lascia Cossiga per Mastella e voterà Amato
  7. ^ «Soubrette coscialunga preferite a Rebuffa e Valentino Martelli»