Unione della Libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Polonia

Questa voce è parte della serie:
Politica della Polonia









Altri stati · Atlante

Unione della Libertà (in polacco: Unia Wolnosci - UW) è stato un partito politico liberale attivo in Polonia tra il 1994 e il 2005.

Il partito è sorto il 20 marzo 1994 in seguito alla fusione tra l'Unione Democratica (Unia Demokratyczna - UD) e il Congresso Liberal Democratico (Kongres Liberalno-Demokratyczny - KLD), entrambi partiti che affondavano le loro radici nel movimento sindacale Solidarność, e che alle politiche del 1993 avevano rispettivamente ottenuto il 10,6 ed il 4%.

Il nuovo soggetto politico, che rappresentava la tradizione democratica e liberale europea, sosteneva l'economia di libero mercato, l'adesione all'Unione europea, la rapida privatizzazione delle imprese ancora di proprietà dello Stato, e il decentramento.

Il nuovo partito debutta alle presidenziali del 1995, presentando come candidato alla presidenza Jacek Kuroń, che ottiene il 9,2%. Alle successive elezioni parlamentari del 1997, UW cresce, arrivando al 13,4% dei voti, e conquistando 60 seggi.

Nel frattempo, però, le differenze tra le due principali anime del partito, quella conservatrice e quella sociale, si acutizzarono al punto che nel 2001 l'Unione della Libertà subì la scissione dell'ala più conservatrice del partito: guidati da Donald Tusk, molti esponenti di UW fondarono un nuovo soggetto, Piattaforma Civica.

Alle elezioni parlamentari del 2001, il partito, ormai composto solo da cattolici liberali e socioliberali, ottenne il 3,1% dei voti e nessun seggio, al contrario dei fuoriusciti di Piattaforma Civica, che raggiunsero invece il 12,7% e conquistarono 65 seggi; questa tendenza negativa viene parzialmente invertita alle elezioni europee del 2004, quando, complice la bassa affluenza alle urne e il fatto di essere l'unico partito apertamente filoeuropeista, l'UW ottiene il 7% dei voti e 4 seggi al Parlamento Europeo (dei 54 spettanti alla Polonia).

Nel 2005, l'Unione della Libertà lancia la proposta di dare vita ad un soggetto politico nuovo: su iniziativa di Władysław Frasyniuk e Jerzy Hausner (ministro dell'Economia), il 9 maggio viene fondato il nuovo Partito Democratico, che debutta alle elezioni politiche del settembre 2005, ottenendo il 2,5% dei voti e senza conquistare alcun seggio.

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica