Unione Sportiva Dilettantistica Atletico Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
U.S.D. Atletico Catania
Calcio Football pictogram.svg
atletisti, giallorossoblu, etnei
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Blu Con Striscia Rossa.png Rosso-Blu
Dati societari
Città Catania-Stemma.png Catania
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Promozione
Fondazione 1986
Scioglimento 2005
Rifondazione 2005
Presidente Italia Carmelo Tiberio Seminara
Allenatore Italia Damiano Proto
Stadio Bonaiuto Somma, Mascalucia
(1200 posti)
Sito web www.atleticocatania.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Dilettantistica Atletico Catania è una società calcistica catanese fondata nel 1986. Nella sua storia ha disputato sette campionati consecutivi in Serie C1, giocando due volte i play-off per la promozione in Serie B. I colori sociali sono il rosso e il blu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Atletico Catania nasce nel 1986 con il trasferimento a Catania del titolo sportivo del S.C. Mascalucia, che aveva disputato per diversi anni consecutivi il campionato di Interregionale. Il primo presidente è Salvatore Tabita. La squadra conquista subito la promozione in Serie C2 grazie al primo posto nel girone M.

Il 1987-1988 è il primo anno fra i professionisti, l'Atletico riesce a raggiungere la salvezza, ma visto lo scarso seguito di tifosi e una crisi della squadra di calcio di Lentini, il presidente Tabita decide di trasferire la società nella cittadina in provincia di Siracusa, dando vita all'Atletico Leonzio.

L'occasione per il ritorno nel capoluogo etneo si presenta nell'estate del 1993, quando il Calcio Catania viene radiato dai campionati professionistici. Essendo scaduti i termini per i cambi di sede e ragione sociale, Franco Proto, divenuto presidente nel frattempo, iscrive al CND 1993-1994 una squadra denominata Catania '93, per poi operare nella stagione successiva lo scambio di titoli sportivi. Il ritrovato Atletico Catania disputa quindi la stagione 1994-1995 in Serie C1.

Si avvia così la fase di maggior successo nella storia dell'Atletico, con la partecipazione a sette campionati consecutivi in terza serie. Le stagioni 1996-1997 e 1997-1998 in particolare vedono gli atletisti disputare le semifinali dei play-off per la promozione in Serie B, perse nel primo caso contro il Savoia e nel secondo contro la Ternana. In questi anni l'Atletico, proprio grazie ai risultati positivi, conquista un maggior seguito di pubblico, nonostante la costante risalita del Catania dalle categorie inferiori. Nel 1995-1996 contro i cugini rossoazzurri si disputa, in occasione della Coppa Italia di Serie C, il primo Derby dell'elefante in incontri ufficiali. Il derby si disputerà anche in campionato nelle stagioni 1999-2000 e 2000-2001.

Il ritorno del Catania Calcio ha altre due conseguenze importanti sull'Atletico: non solo si assiste a un calo dell'attenzione dei tifosi, ma la società è anche costretta a cambiare simboli e colori sociali per differenziarsi dall'altro club catanese. Negli ultimi due anni fra i professionisti l'Atletico indosserà infatti delle maglie giallo-grigie, e il Liotru, elefantino simbolo di Catania, verrà sostituito sullo stemma dal Cirneco dell'Etna, una razza canina tipica dell'area del Vulcano.

Il campionato 2000-2001 si conclude non solo con l'ultimo posto e la retrocessione, ma anche con un fallimento societario che porta l'Atletico a doversi iscrivere al campionato di Eccellenza. I risultati sportivi sono alterni anche nelle categorie regionali: dopo un paio di buoni campionati retrocede in Promozione nel 2003, e infine non riesce a completare il campionato 2004-2005, venendo estromesso dai ranghi federali.

Dopo la reiscrizione in Terza Categoria ad opera di un gruppo di tifosi, e l'acquisto del titolo sportivo del Sant'Agati li Battiati nel 2006, la squadra è risalita fino al campionato di Promozione, dove nella stagione 2010-2011 vince il girone C e riconquista la promozione in campionato di Eccellenza.

La stagione 2011-2012 è condizionata da un crisi societaria che porta all'avvicendamento di dirigenti, allenatori e giocatori con risultati altamente negativi che portano alla retrocessione diretta con il terz'ultimo posto in classifica.

Nella stagione 2012-2013 la squadra viene iscritta in extremis grazie ad alcuni tifosi che, per tutta la durata del torneo, gestiscono la società. La squadra, dopo un brillante inizio di stagione, rallenta un po' il suo andamento nel girone di ritorno, chiudendo tuttavia al 5º posto. A causa dell'eccessivo distacco di punti dalla seconda classificata, però, non è ammessa ai playoff per il salto di categoria.

Stadio[modifica | modifica sorgente]

L'Atletico Catania ha disputato tutte le sue stagioni nei campionati professionistici presso lo stadio Cibali di Catania. Dopo il fallimento del 2001 ha utilizzato diversi impianti nell'hinterland catanese, giocando a Gravina e a Sant'Agata li Battiati. Dalla seconda parte della stagione 2011-2012 utilizza il campo sportivo "Monte Po" di Catania. Ma nella stagione 2013-2014 la società decide, a causa delle pessime condizioni dell'impianto catanese, di far disputare le gare interne della squadra a Mascalucia.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria dell'Atletico Catania
  • 1986 - Fondazione dell'Atletico Catania
  • 1986-87 - 1º in Interregionale girone M. Promosso in Serie C2
  • 1987-88 - 10º in Serie C2 girone D
  • 1988 - Dalla fusione tra la Società Sportiva Atletico Catania e la Società Sportiva Leonzio nasce la Società Sportiva Atletico Leonzio con sede a Lentini
  • 1994 - La società torna a Catania riassumendo la vecchia denominazione
  • 1994-95 - 12º in Serie C1 girone B
  • 1995-96 - 7º in Serie C1 girone B
  • 1996-97 - 4º in Serie C1 girone B, perde le semifinali play-off con il Savoia
  • 1997-98 - 5º in Serie C1 girone B, perde le semifinali play-off con la Ternana
  • 1998-99 - 10º in Serie C1 girone B
  • 1999-00 - 17º in Serie C1 girone B, salvo dopo play-out con la Juve Stabia
  • 2000-01 - 17º in Serie C1 girone B, perde i play-out contro la Lodigiani. Retrocede in Serie C2
  • 2001 - Non si iscrive al campionato di C2 per inadempienze finanziarie
  • 2001-02 - 8º in Eccellenza girone B
  • 2002-03 - 16º in Eccellenza girone B. Retrocede in Promozione
  • 2003-04 - 3º in Promozione girone B, perde la finale play-off con il Trecastagni
  • 2004-05 - 12º in Promozione girone C, la dirigenza rinuncia a disputare i play-out e quindi viene cancellato dal campionato
  • 2005-06 - 4º in Terza Categoria girone A catanese
  • 2006 - Accordo con il S.Agata li Battiati (Prima categoria). Nonostante ciò permane la denominazione di S.Agata li Battiati, per mancanza dei tempi tecnici per il cambio denominazione.
  • 2006-07 - 8º in Prima Categoria girone F.
  • 2007 - Cambio di denominazione in "Unione Sportiva Dilettantistica Atletico Catania".
  • 2007-08 - 1º in Prima Categoria girone F. Promosso in Promozione.
  • 2008-09 - 9º in Promozione girone D.
  • 2009-10 - 5º in Promozione girone D, perde la semifinale play-off con il Santa Croce
  • 2010-11 - 1° in Promozione girone C. Promosso in Eccellenza
  • 2011-12 - 14° in Eccellenza girone B. Retrocede in Promozione
  • 2012-13 - 5° in Promozione girone D.
  • 2013-14 - in Promozione girone C.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partecipazioni ai campionati nazionali[modifica | modifica sorgente]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione

Serie C1 7 1994-1995 2000-2001

Serie C2 1 1987-1988 1987-1988

Serie D 1 1986-1987 1986-1987

Partecipazioni ai campionati del Comitato Regionale Sicilia[modifica | modifica sorgente]

Tifoseria[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Derby calcistici in Sicilia.

Il gruppo ultras principale si chiama Azione Ultrà, fondato nel 1996 ed ancora attivo. Dopo la cancellazione della squadra avvenuta nel 2005, nella stagione 2005-2006 i membri del gruppo Azione Ultrà decidono di iscrivere l'Atletico Catania al campionato di Terza Categoria, scendendo loro stessi in campo al fine di conservare il titolo e il nome della squadra. Si piazzeranno al quarto posto.

L'Azione Ultrà vanta un'amicizia con la tifoseria del Messina, in particolare con il gruppo Testi Fracidi, con gli ultras della Lodigiani, in particolare con il gruppo Official Fans, e aveva instaurato dei buoni rapporti con la tifoseria della Ternana quando entrambe le squadre militavano in Serie C1. Tra i gruppi ultras poi scomparsi ricordiamo gli Ultras e i Rebels.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]