Unigenitus Dei Filius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima bolla del papa Clemente VI, vedi Unigenitus Dei Filius (1343).
Unigenitus Dei Filius
Bolla pontificia di Clemente XI
Stemma di Clemente XI
Anno 8 settembre 1713
Anno di pontificato XIV
Traduzione del titolo Unigenito figlio di Dio
Argomenti trattati condanna del giansenismo
Bolla precedente Vineam Domini
Bolla successiva Nova Semper

Unigenitus Dei Filius (nota semplicemente come Unigenitus) è il titolo di una costituzione apostolica, in forma di bolla papale, promulgata dal papa Clemente XI per condannare l'eresia del giansenismo. In particolare il testo condanna 101 proposizioni della seconda edizione del libro Réflexions morales di Pasquier Quesnel.

La sua redazione fu sollecitata, oltre che da un certo numero di vescovi, dal re Luigi XIV, dopo il fallimento del precedente documento Universi Dominici Gregis, rigettato in nome delle libertà gallicane.

Fu pubblicata l'8 settembre 1713 dopo diciotto mesi di lavorazione da parte di una speciale congregazione di cardinali e teologi.

La bolla provocò aspre discussioni nella chiesa francese che di fatto si divise tra i cosiddetti accettanti, che appunto accettavano l'ordine papale, e gli appellanti, che respingevano la bolla e si appellavano ad un concilio. La causa di questi ultimi venne anche perorata nel 1715 presso la Santa Sede da una missione del diplomatico Michel-Jean Amelot de Gournay.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]