Unelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le tribù galliche

Gli Unelli erano una delle tribù galliche che durante la conquista della Gallia da parte di Giulio Cesare, nel 58-51 a.C., erano stanziate nella regione armoricana della Gallia comata sulla penisola del Cotentin, il nord dell'attuale dipartimento del Manica.

La capitale degli Unelli era Cosedia, oggi Coutances.

Gli Unelli confinavano con i Baiocassi e i Viducassi, a est e a sud-est, e con gli Abrincates a sud.

Nell'estate del 57 a.C. si sottomisero insieme agli altri popoli gallici alla legione di Publio Crasso, ma qualche mese dopo si unirono alla rivolta iniziata dai Veneti e, raggiunti dagli Aulerci ed Eburovici e dai Lessovi, affrontarono tra Vire e Avranches le tre legioni del legato Quinto Titurio Sabino. L'esercito gallo, comandato da Viridovix, capo degli Unelli, fu sconfitto nel suo assalto al campo romano. Gli Unelli, come la maggior parte dei popoli della Gallia, fecero in seguito parte della coalizione che avrebbe inviato cinque anni più tardi un esercito in soccorso di Vercingetorige assediato ad Alesia. Il loro apporto non sembra sia stato maggiore di 3.000 guerrieri.

Fonti antiche[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephan Fichtl, Les Peuples gaulois, éditions Errance, Paris 2004, ISBN 2-87772-290-2
  • John Haywood, Atlas historique des Celtes, Autrement (collezione Atlas/Mémoires), Paris, 2002 (tradotto in francese da Colette Stévanovitch), ISBN 2-7467-0187-1
  • Venceslas Kruta, Les Celtes, Histoire et Dictionnaire (collezione Bouquins), Éditions Robert Laffont, Paris, 2000, ISBN 2-7028-6261-6 .

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]