Underground rap

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Genere musicale}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Underground hip hop, detto anche underground rap o undie, è un termine generico che raccoglie tutti gli artisti hip hop/rap fuori dai classici canoni commerciali. Le etichette hip hop indipendenti sono le principali fonti di supporto per gli artisti di questo genere ma molta parte è rappresentata da coloro che realizzano il proprio materiale grazie ad autoproduzioni o tramite proprie personali microetichette. Questo hip hop non commercializzato è spesso composto da artisti che alternano la musica ad altri elementi della cultura hip hop come il writing, il breaking, il freestyle ed il beatboxing.

Stile[modifica | modifica sorgente]

Generalmente gli artisti di tale genere hanno temi diversi rispetto al circuito commerciale, più legati a vicende personali ed a relazioni sociali, ma anche politica e filosofia di vita. Tuttavia l'underground hip hop ha il suo lato battagliero e fortemente provocatorio nei cosiddetti freestyle battle, ovvero gare di rime tra due MC, che nella sfida hanno l'obiettivo di ridicolizzare l'avversario e conquistare la simpatia del pubblico che è il giudice di ogni gara.

Per i motivi sopra detti, l'underground hip hop, pur puntando ad una varietà di suoni che pesca dal jazz al funk fino al Soul, non punta a costruire basi musicali solamente orecchiabili. Mentre per quanto riguarda i temi, convivendo due anime di cui una propriamente "underground" e l'altra maggiormente votata all'affermazione personale del rapper sugli altri rapper, oltre alle rime sopra dette, si possono trovare testi maggiormente crudi e violenti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni '90[modifica | modifica sorgente]

La nascita di questo movimento come genere vero e proprio trova un parallelo in quello nato a fine anni '80 come gangsta rap: se da un lato si sviluppava il genere violento di gruppi come gli N.W.A., dall'altra parte artisti come Del Tha Funkee Homosapien, Organized Konfusion e Common crearono un suono che più tardi venne categorizzato come "Underground". Nei primi anni '90 si ebbe la creazione di gruppi come Living Legends e Freestyle Fellowship, verso la metà del decennio etichette underground come 1995 Rhymesayers Entertainment, 1996 Stones Throw, 1997 Anticon e 1999 Def Jux. Nel 1996, fu organizzato il primo Scribble Jam, un festival hip hop che ha coltivato e lanciato diversi tra i migliori artisti di questo genere. Se negli anni '90 si vide la formazione dell'underground hip hop, il 2000 segnò il vero e proprio interesse degli ascoltatori per questo fenomeno musicale, fino all'arrivo al grande pubblico di alcuni artisti come Aesop Rock, Sage Francis, El-P e Atmosphere che videro giungere i loro album nella Billboard 200. La Rhymesayers Entertainment riuscì a siglare un contratto di distribuzione con la Warner Music Group nel 2007 potendo così assicurare visibilità ad artisti come MURS, Abstract Rude e Grayskul. Tra la fine del decennio precedente e l'inizio del nuovo, ci fu così anche l'esplosione di interesse per artisti quali Oldominion, Cannibal Ox, MF DOOM, J Dilla, Lone Catalysts, Jean Grae, Typical Cats e Ill Bill, che assieme ad altri artisti poterono intraprendere tour promozionali e far conoscere i propri lavori.


Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]