Una volpe a corte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una volpe a corte
Renard la volpe in una scena del film
Renard la volpe in una scena del film
Titolo originale Le Roman de Renard
Paese di produzione Francia, Germania
Anno 1930
Durata 65 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere animazione, fiabesco
Regia Ladislas Starevich
Soggetto Johann Wolfgang Goethe
Sceneggiatura Jean Nohain: dialoghista
Produttore Louis Nalpas (1929/1931)
  • Roger Richebé (1939/1941)
Casa di produzione Wladyslaw Starewicz Production
Fotografia Ladislas Starevich
Montaggio Laura Sejourné
Musiche Vincent Scotto
Doppiatori originali

Una volpe a corte (titolo originale francese: Le Roman de Renard; titolo inglese: The Tales of the Fox; titolo tedesco; Reinicke Fuchs) è un film d'animazione con marionette in bianco e nero, realizzato in ripresa a passo uno (più precisamente in Puppet animation), del pioniere dell'animazione Ladislas Starevich, suo primo lungometraggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La lavorazione fu portata a termine nel 1930 a Parigi, e durò nel complesso 18 mesi, ma il film era ancora senza sonoro e non venne pubblicato. In seguito giunsero dei fondi dal regime nazista (il film è tratto dal racconto di Johann Goethe: La volpe Reinhart, ispirato al classico medievale Roman de Renart), e questa versione venne presentata a Berlino il 10 aprile del 1937. Venne distribuita in Francia il 10 aprile del 1941; l'edizione francese e restaurata del film, in DVD, ha la traccia audio originale.

Rilascio[modifica | modifica wikitesto]

Soltanto otto mesi precedono l'uscita di questo film d'animazione da quella del disneyano Biancaneve e i sette nani, ed è il sesto lungometraggio animato realizzato; fra quelli a base di marionette (puppet animation) è il secondo (preceduto soltanto da The New Gulliver, realizzato in Unione Sovietica anche se The New Gulliver è stato girato in tecnica mista e non interamente in puppet animation come Una volpe a corte ).

È inoltre il terzo film d'animazione a avere il sonoro, dopo Peludópolis (1931) di Quirino Cristiani e The New Gulliver (1935), e il primo lungometraggio in stop-motion della storia.[1]

Bisogna precisare che il film fu anche proiettato senza il sonoro, in versione muta, già nel 1930, ma è considerata come pubblicazione quella della versione sonorizzata del 1937 in Germania e quella del 1941 in Francia; quest'ultima è considerata la versione "originale" perché quella tedesca sonorizzata grazie alle sovvenzione dei nazisti è stata de-ufficializzata. Ancora adesso il fatto che il film sonoro del 1937 fu finanziato dai nazisti blocca la distribuzione in forma ufficiale negli USA.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel regno degli animali Renard[2], la Volpe[3], sfrutta la sua abilità per ingannare gli altri animali. Il re Noble (il Leone[4]) riceve sempre più denunce su di lui. Ordina che Renard la volpe sia arrestato e condotto in prigione ma Renard cercherà con l'astuzia di togliersi dai guai.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Universum Film (UFA) (1937) (Germania)
  • Paris Cinéma Location (1941) (Francia)
  • Volksbildungshaus Wiener Urania (1938) (Austria)

Riedizione[modifica | modifica wikitesto]

  • Les Acacias Cinéaudience - 1990 (Francia)
  • Francia - 12 maggio 1985 (Festival di Cannes)
  • Francia - 22 ottobre 2003 (riedizione)
  • USA - 16 aprile 2010 (Wisconsin Film Festival)

In altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencati i nomi con cui è conosciuto il film in alcuni paesi:

  • Reineke Fuchs Die Komödie der Tiere - Austria (titolo completo)
  • The Story of the Fox o The Tale of the Fox - Stati Uniti d'America
  • The Tale of the Fox - titolo "universale"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wladyslaw Starewicz: una panoramica sui suoi lavori, cinefobie.com, 21 aprile 2012. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  2. ^ Cfr. la nota sui nome dei personaggi dall'opera originale medievale.
  3. ^ Il titolo tradotto in italiano dal francese significa letteralmente il romanzo della Volpe.
  4. ^ Nel film il nome dei personaggi antropomorfi sono assegnati in base alla specie di appartenenza: Renard la Volpe, Ysengrin il Lupo, Brun l'Orso, Tibert il Gatto, ...

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]