Una mente per uccidere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una mente per uccidere
Titolo originale A mind to murder
Autore P. D. James
1ª ed. originale 1963
1ª ed. italiana 1991
Genere romanzo
Sottogenere giallo
Lingua originale inglese
Protagonisti Adam Dalgliesh
Altri personaggi Dott. Henry Etherege, Dott. Paul Steiner, dott. James Baguley, dott. Mary Ingram, Enid Bolam, Marion Bolam, Jennifer Priddy, Amy Shorthouse, Peter Nagle, Frederica Saxon
Serie Adam Dalgliesh
Preceduto da Copritele il volto
Seguito da Per cause innaturali

Una mente per uccidere (titolo originale A mind to murder) è un romanzo della scrittrice inglese P. D. James del 1963, il secondo in cui compare l'ispettore Adam Dalgliesh.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il caso si svolge in una clinica psichiatrica dove viene trovata uccisa in un seminterrato Emil Bondam. La donna aveva tra i nemici anche lo staff medico e Dalghiesh grazie all'aiuto di un gatto riuscirà a risolvere il delitto.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Adam Dalgliesh : ispettore capo

Personale clinica Steen:

  • Dott. Henry Etherege : direttore
  • Dott. Paul Steiner, dott. James Baguley, dott. Mary Ingram: psichiatrici
  • Enid Bolam: funzionaria amministrativa
  • Marion Bolam: infermiera
  • Jennifer Priddy: segretaria
  • Amy Shorthouse: donna delle pulizie
  • Peter Nagle: inserviente
  • Frederica Saxon: psicologa

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura