Un poliziotto da happy hour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un poliziotto da happy hour
The Guard 2011.png
Don Cheadle e Brendan Gleeson in una scena del film
Titolo originale The Guard
Lingua originale inglese, gaelica
Paese di produzione Irlanda
Anno 2011
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia nera
Regia John Michael McDonagh
Sceneggiatura John Michael McDonagh
Produttore Chris Clark, Flora Fernandez-Marengo, Ed Guiney, Andrew Lowe, Elizabeth Eves (produttore associato), Lee Magiday (produttore associato)
Produttore esecutivo Martin McDonagh, Don Cheadle, Lenore Zerman, Ralph Kamp, Tim Smith, Paul Brett, David Nash
Casa di produzione Reprisal Films, Element Pictures, Prescience, Aegis Film Fund, UK Film Council, Crescendo Productions, Eos Pictures, Irish Film Board
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Larry Smith
Montaggio Chris Gill
Effetti speciali Brendan Byrne (coordinatore), Paul Byrne, Aidan Byrne, Michael Kearns, Pat Redmond, Jimmy Lunsden
Musiche Calexico
Scenografia John Paul Kelly
Costumi Eimer Ní Mhaoldomhnaigh
Trucco Morna Ferguson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Un poliziotto da happy hour[1] (The Guard) è un film del 2011 scritto e diretto da John Michael McDonagh e con protagonisti Brendan Gleeson e Don Cheadle.

Con più di 4 milioni di euro di incasso domestico, la pellicola è stata il maggior incasso irlandese, primato fino ad allora detenuto da Il vento che accarezza l'erba (2006)[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Connemara, Irlanda. Il sergente della Garda Síochána Gerry Boyle è un poliziotto decisamente non convenzionale, dedito alle prostitute e con un senso dell'umorismo caustico e sovversivo.

Dopo uno strano omicidio che sembra essere opera di un serial killer, Boyle partecipa ad un briefing dell'agente dell'FBI Wendell Everett, inviato in Irlanda per collaborare con le autorità locali in un'operazione antidroga volta a contrastare il contrabbando internazionale di un'ingente partita di cocaina. Everett si ritrova a condurre le indagini affiancato da Boyle, delle cui capacità inizialmente dubita. Nonostante i suoi metodi, Boyle si dimostra capace e risoluto, e grazie alla sua conoscenza del territorio porta Everett sulle tracce dei tre narcotrafficanti Cornell, Sheehy e O'Leary.

Quando le indagini hanno conducono Everett su una fasta pista e lontano da Connemara, i narcotrafficanti, consci che l'imprevedibile Boyle può rappresentare un problema, lo affrontano: prima tenta di corromperlo con una mazzetta, inutilmente; quindi O'Leary gli tende un agguato per eliminarlo Boyle riesce però a salvarsi grazie alla minuscola pistola derringer che aveva sottratto da un deposito dell'IRA e che portava nascosta nelle mutande, e venuto a conoscenza del luogo in cui effettivamente verrà sbarcata la droga, si prepara a fermare i criminali. Everett, l'unico altro agente onesto, arriva per coprirgli le spalle, e Boyle si espone incurante della proproia incolumità fisica, riuscendo fortunosamente ad uccidere prima Cornell e poi anche Sheehy, raggiunto in extremis sulla barca che ha lasciato il molo. poco dopo però la barca esplode in mare: Everett, testimone della drammatica sequenza, resta a lungo impietrito a fissare il mare scuro, certo dell'inevitabile morte dell'amico; poi, riflettendo meglio sulle vanterie di Boyle di essere un nuotatore di classe olimpica e sulle sue considerazioni di come sarebbe stato necessario sparire per sfuggire alla vendetta dei criminali, inizia a sorridere, intuendo l'astuta messa in scena.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 29 ottobre 2009 a Lettermore, nella contea di Galway. Le riprese si sono svolte in un periodo di sei settimane nella Contea di Galway tra Lettermullen, An Spidéal e Barna, con alcune scene girate anche a Wicklow e Dublino.[3] Le società coinvolte nella produzione sono state la Reprisal Films e la Element Pictures con la collaborazione di Prescience, Aegis Film Fund, UK Film Council e Crescendo Productions e con la participazione della Irish Film Board.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 giugno 2011 è stato distribuito il primo trailer ufficiale del film[5], mentre il trailer in italiano è stato messo online il 14 settembre 2011.[6]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 20 gennaio 2011 al Sundance Film Festival 2011 nella categoria World Cinema Dramatic[7], mentre è stato distribuito nella sale irlandesi a partire dal 7 luglio 2011. In Italia è arrivato nelle sale il 21 ottobre 2011.[8]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto recensioni generalmente positive. Ha ricevuto la menzione speciale come miglior opera prima al Festival di Berlino 2011.

Todd McCarthy dell'Hollywood Reporter, plaude l'interpretazione di Brendan Gleeson, che eleva il suo ruolo da buddy-movie ad icona del poliziotto irlandese[9]. John Lopez di Vanity Fair loda il film come la più godibile esperienza del Sundance[10]. Marianna Cappi di MyMovies paragona il Gerry Boyle ai quei «malinconici e malconci personaggi da western del tramonto», citando inoltre l'infelice traduzione italiana del titolo[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda di "Un poliziotto da happy hour" su Eaglepictures.com. URL consultato il 29 agosto 2011.
  2. ^ (EN) http://iftn.ie/news/?act1=record&only=1&aid=73&rid=4284243&tpl=archnews&force=1, The Irish Film & Television Network
  3. ^ (EN) Gleeson and Cheadle line up for new movie. URL consultato il 29 agosto 2011.
  4. ^ Crediti per la compagnia The Guard (2011). URL consultato il 29 agosto 2011.
  5. ^ (EN) The Guard - HD-Trailer.net. URL consultato il 29 agosto 2011.
  6. ^ Un poliziotto da Happy Hour - il trailer italiano in esclusiva. URL consultato il 14 settembre 2011.
  7. ^ (EN) 2011 Sundance Film Festival Announces Films in Competition. URL consultato il 29 agosto 2011.
  8. ^ Scheda di Un poliziotto da happy hour su Comingsoon.it. URL consultato il 29 agosto 2011.
  9. ^ The Guard: Sundance Review - The Hollywood Reporter
  10. ^ Sundance 2011: Park City Thrills to The Guard and Like Crazy | Blogs | Vanity Fair
  11. ^ Un poliziotto da happy hour - MYmovies

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema