Un nido di nobili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un nido di nobili
Titolo originale Дворянское гнездо
Altri titoli Nido di nobili
Autore Ivan Turgenev
1ª ed. originale 1859
Genere romanzo
Sottogenere ambiente e costume
Lingua originale russo
Ambientazione Russia, XIX secolo

Un nido di nobili è un romanzo dello scrittore russo Ivan Sergeevič Turgenev. Fu pubblicato per la prima volta nel 1859 sulla rivista Sovremennik.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fedor Ivanyč Lavreckij appartiene ad un'antica famiglia nobiliare. Riceve una dura educazione, che comprende il disprezzo per il genere femminile. A ventitré anni s'iscrive alla Facoltà di Fisica e Matematica e una sera, a teatro, vede una fanciulla in un palco, Varvara Pavlovna; ne resta profondamente colpito, riesce a farsi presentare, si fidanza e la sposa.
Seguono anni felici, fino a quando trova un foglietto del suo amante e allora ha un attacco di vertigini, il pavimento ondeggia sotto i suoi piedi, scoppia in pianto. Si era fidato ciecamente della moglie, non aveva mai pensato alla possibilità di un tradimento. Vaga a piedi tutto il giorno e tutta la notte. Poi parte per l'Italia.

Anche Varvara parte per l'Europa, cadendo sempre più in basso. Dopo quattro anni Lavreckij ritorna in Russia. Presso i Kalitin incontra Elizaveta Michajlovna, detta Liza, una creatura che si sta affacciando alla vita e che va a messa con guanti e cappellino. Tra i due spunterà una tenera amicizia, per cui Liza risponderà con un rifiuto alla proposta di matrimonio di Vladimir Nikolaic Pansin, che era un ottimo partito. Anche Christofor Teodor Gottlieb Lemm, che è un vecchio tedesco, amante della musica, precettore, non stima Vladimir Nikolaic Pansin.

Quando un giornale scandalistico riporta la notizia della morte di Varvara Pavlovna, sembra che l'amore di Liza e Lavreckij possa trionfare, ma Varvara è viva, ritorna, implora e ottiene il perdono di Lavreckij, ma non la riconciliazione.
Varvara alloggerà nella elegante tenuta principale di Lavriki, consolata da Vladimir Nikolaic Pansin, mentre Lavreckij abiterà nella modesta casa di campagna di Vasil'evskoe.

Liza entrerà in convento, in un angolo remoto della Russia.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ivan Turgheniev, Un nido di nobili, traduzione di Licia Brustolin, Milano, Alberto Peruzzo Editore, 1986, pp. 191.
  • Ivan Turgenev, Nido di nobili, traduzione di Lorenzo Rosi, Milano, Mondadori, 1996, pp. 201, ISBN 88-04-41849-4.
  • Ivan Turgenev, Un nido di nobili, traduzione di Maria Miro, Milano, Garzanti, 1975, pp. 147.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura