Un esercito di 5 uomini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un esercito di 5 uomini
Un esercito di 5 uomini.5 uomini.jpg
I cinque eroi protagonisti del film
Titolo originale Un esercito di 5 uomini
Paese di produzione Italia
Anno 1969
Durata 105 min (durata originale), 89 min (durata della versione tagliata)
Colore colore
Audio sonoro
Genere western
Regia Italo Zingarelli
Soggetto Dario Argento
Sceneggiatura Dario Argento
Produttore Roberto Palaggi
Fotografia Enzo Barboni
Montaggio Sergio Montanari
Effetti speciali Sergio Chiusi
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Enzo Bulgarelli
Costumi Luciano Sagoni
Trucco Massimo Giustini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Certi uomini muoiono per denaro, altri per una causa: loro muoiono per noi »
(L'olandese a Luis, riferito al sacrificio di alcuni rivoluzionari)

Un esercito di 5 uomini è un film western del 1969 diretto da Italo Zingarelli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

I ribelli messicani chiedono a "l'olandese" di organizzare una rapina ad un treno di stato che sta trasportando un milione di dollari per conto di Victoriano Huerta, per finanziare la rivoluzione messicana. Così l'olandese contatta altri quattro uomini, un forzuto, un acrobata, un dinamitardo ed un samurai, promettendo ad ognuno mille dollari di ricompensa. La loro prima impresa sarà salvare dalla fucilazione un capo dei ribelli.

Un plotone di esecuzione davanti una chiesa

Dopo aver causato una rivolta in città però, i cinque uomini sono costretti a fuggire, insieme a tutti i civili, per evitare rappresaglie dell'esercito. Alcuni soldati però riescono ugualmente a trovarli e li portano in un forte per interrogarli. Da qui riescono ad evadere uccidendo molti militari, e si danno alla fuga, ma molti altri soldati partono al loro inseguimento. Tutto sembra perduto, quando all'improvviso, in una gola, appaiono decine di rivoluzionari, che si offrono di coprire la fuga dei cinque uomini. La cosa sembra incredibile, in quanto i pochi rivoluzionari non possono niente contro la divisione che sta seguendo gli evasi, ma questo serve a far capire agli uomini quanto sia importante la riuscita della loro impresa, tanto da valere il sacrificio di tutti quei ribelli. Il treno è pesantemente difeso: un cannone, due mitragliatrici e decine di soldati, ma nonostante i numerosi imprevisti, la difficilissima rapina riesce. Gli uomini credevano tutti però che l'olandese non volesse davvero dare l'oro ai messicani e pensavano di dividerlo tra loro ma l'olandese vuole rispettare i patti: anni prima infatti l'esercito uccise sua moglie perché il padre e i fratelli erano rivoluzionari e lei era sospettata di averli aiutati.

Il duello finale del film

Così disarma i suoi compagni e gli dà i mille dollari pattuiti. All'improvviso però si rende conto che dei soldati avevano scoperto il loro rifugio, perciò è costretto a ridare le armi agli altri quattro uomini per farsi aiutare nella difesa. Dopo aver ucciso tutti i soldati però, arrivano i messicani, che festeggiano tutti gli uomini come degli eroi per la riuscita del piano.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La pellicola fu girata lungo la già cessata ferrovia Civitavecchia-Orte. Sebbene soppressa già da sette anni, la linea era ancora integra perché veniva talvolta percorsa da sporadici convogli merci. Si notano molto bene oltre la sede ferroviaria, ponti, viadotti e le stazioni ancora in buono stato. La locomotiva in trazione è la 625.075 (camuffata da locomotiva messicana) a quel tempo assegnata a Roma Trastevere.
  • Alcune location del film sono le stesse utilizzate in C'era una volta il west di Sergio Leone.
  • Nella scena della partenza del treno dell'oro dalla stazione, la bandiera messicana appesa all'edificio presenta la banda rossa stranamente dalla parte dell'asta, mentre doveva esservi la parte verde: escludendo lo stemma centrale, la bandiera messicana dovrebbe essere in realtà pressoché identica a quella italiana.
  • Nella scena dell'agguato al reparto messicano, una delle due mitragliatrici è una MG 42, esemplare che verrà prodotto nella Germania nazista.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema