Un dollaro per 7 vigliacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un dollaro per 7 vigliacchi
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1968
Durata 86 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, poliziesco
Regia Giorgio Gentili
Soggetto José Luis Bayonas, Jim Henaghan
Sceneggiatura José Luis Bayonas, Jim Henaghan, Giorgio Gentili, Guido Leoni
Produttore Sidney W. Pink
Produttore esecutivo Mitchell Grayson, José López Moreno
Casa di produzione Hercules Cinematografica, LM Films, Lacy Internacional Films, Westside International Films
Fotografia Manuel Rojas
Montaggio Bruno Micheli, Antonio Ramírez de Loaysa
Musiche Gregorio García Segura
Scenografia Lucio Bompani, Piero Filippone
Costumi Rosalba Menichelli
Trucco Dolores Merlo, Mario Van Riel
Interpreti e personaggi

Un dollaro per 7 vigliacchi è un film del 1968 diretto da Giorgio Gentili.

È una commedia poliziesca italiana e spagnola con Dustin Hoffman, Elsa Martinelli, Cesar Romero e Gustavo Rojo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Jason Fister, un giovane ufficiale del Dipartimento del Tesoro statunitense apparentemente ingenuo e mite, viene inviato a Roma per recuperare una grossa somma di denaro dovuto al governo degli Stati Uniti da Mike Madigan, un mafioso italoamericano morto da poco.

Arrivato a Roma, Fister comincia ad indagare ma viene ostacolato dalla polizia locale, che non ha alcuna intenzione di aiutarlo e che anzi minaccia di arrestarlo nel caso continuasse ad investigare. Fister fa inoltre la conoscenza della figlia di Madigan, Vicky, di cui presto si innamora.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu diretto da Giorgio Gentili (accreditato come Dan Ash nella versione in italiano, Stanley Prager nella versione in inglese e Giorgio Gentili nella versione in spagnolo[1]) su una sceneggiatura di José Luis Bayonas, Jim Henaghan, Guido Leoni e dello stesso Gentili e sul soggetto di Bayonas e Henaghan.[2] Fu prodotto da Sidney W. Pink per la Hercules Cinematografica, la LM Films e la Lacy Internacional Films in associazione con la Westside International Films.[3] Fu girato a Roma e a Madrid[1] nel 1966.[4] Il titolo di lavorazione fu Il testamento di Madigan.[5]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito in Italia dal 30 maggio 1968 e in Spagna dal 24 marzo 1969 con il titolo El millón de Madigan[5] al cinema dalla Altamira Films.[3] È stato redistribuito con il titolo L'agente quasi speciale Frank Putzu 1×7.[6]

Altre distribuzioni:[5]

  • negli Stati Uniti nel dicembre del 1969 (Madigan's Millions, distribuito dalla American International Pictures; distribuito poi in DVD come Sid Pink's Madigan's Millions)
  • in Finlandia il 2 aprile 1971 (Miljoonamöhläys)
  • in Germania Ovest il 16 luglio 1971 (Ich wollt' ich wäre Frankenstein e Zwei Nummern zu groß)
  • in Francia (L'agent américain)
  • in Ungheria (Madigan végrendelete)
  • in Grecia (Ta ekatommyria tou Madigan)
  • in Italia (Un dollaro per 7 vigliacchi)

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Morandini il film è "non privo di umorismo, efficace nelle scene d'azione" ma sarebbe solo la presenza di Dustin Hoffman nel cast ad essere l'unico motivo d'interesse.[6] Secondo Leonard Maltin è un "film amatoriale" che sarebbe stato prodotto con lo scopo di capitalizzare il successo di Hoffman dopo la sua interpretazione ne Il laureato". Il film risulterebbe "inappropriato".[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Un dollaro per 7 vigliacchi - American Film Institute. URL consultato il 12 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Un dollaro per 7 vigliacchi - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 12 marzo 2013.
  3. ^ a b (EN) Un dollaro per 7 vigliacchi - IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 12 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Un dollaro per 7 vigliacchi - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 12 marzo 2013.
  5. ^ a b c (EN) Un dollaro per 7 vigliacchi - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 12 marzo 2013.
  6. ^ a b Un dollaro per 7 vigliacchi - MYmovies. URL consultato il 12 marzo 2013.
  7. ^ Leonard Maltin, Guida ai film 2009, Dalai editore, 2008, p. 607, ISBN 8860181631. URL consultato il 12 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema