Umpa Lumpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli Umpa Lumpa nel film Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato del 1971.

Gli Umpa Lumpa (Oompa-Loompa nell'originale inglese) sono una popolazione sudamericana originaria da Roald Dahl nel romanzo La fabbrica di cioccolato.

Gli Umpa Lumpa sono delle creature basse e tozze dalle sembianze pressoché umane che Willy Wonka trovò ad Umpalandia, una regione di Umpa, nonché piccola isola situata nell'Oceano Pacifico. Amano tantissimo il cacao, ma sfortunatamente nella loro terra riescono a trovarne solo un seme all'anno, tre, massimo quattro se sono fortunati. Da lì nasce la proposta di Willy Wonka, che offre loro di lavorare nella sua fabbrica; così gli Umpa Lumpa sono contenti di prestare servizio e Wonka è contento per aver trovato lavoratori fedeli e operosissimi. Si presentano come esseri buffi e ambigui: alti fino al ginocchio, con una capigliatura sorprendente, sembrano quasi conoscere in anticipo le sventure che capiteranno ai personaggi. Quest'ultima però è una caratteristica inserita da Tim Burton nel La fabbrica di cioccolato del 2005, facendo sospettosamente sottolineare da Mike Tivù come le canzoni improvvisate sul momento dagli Umpa Lumpa contengano già i nomi dei personaggi e siano, nonostante ciò, perfettamente ritmate. Willy Wonka giustifica il tutto dicendo semplicemente che gli Umpa Lumpa amano cantare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nella narrativa, gli Umpa Lumpa apparirono per la prima volta nel libro di Roald Dahl del 1964. Il libro originale li ritraeva come pigmei neri provenienti dalla parte più profonda e più oscura della giungla Africana dove nessun uomo bianco era mai stato prima. Dopo la pubblicazione del libro negli States, delle accuse di razzismo costrinsero Dahl a modificare la fisionomia dei personaggi come nani con capelli marrone dorato e una pelle bianco-rosata. Nell'adattamento del film del 1971, Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, essi furono di nuovo reinterpretati, stavolta con pelle arancione e capelli verdi. Nella versione di Tim Burton del 2005, La fabbrica di cioccolato, gli Umpa Lumpa sono piccoli, con corti capelli neri e pelle color bronzo; vengono stavolta tutti interpretati dall'attore nano Deep Roy, la cui statura viene diminuita a 75 cm. Per ogni Umpa Lumpa di ciascuna scena, vengono effettuate riprese separate dell'attore nelle diverse posizioni, poi unite grazie a tecniche digitali. Comunque, gli Umpa Lumpa presentano sempre la caratteristica di comunicare solo attraverso canzoni e mimica. Come si vede nel film, hanno una singolare armonia di movimenti: incrociano le braccia e chiudono le mani portandole al petto. Gli Umpa Lumpa non sono chiamati con un nome proprio, eccetto Skeebo, il quale figura quasi come il leader degli Umpa Lumpa e Doris, la segretaria/contabile, oltretutto unica femmina della tribù che si vede nel film

Canzoni[modifica | modifica sorgente]

Nel libro, gli Umpa Lumpa mettono in scena spiritose ma moraleggianti canzoni improvvisate riguardanti i maliziosi bambini che hanno preso parte alla visita della fabbrica. Quattro canzoni sono utilizzate per far pensare loro alle conseguenze del loro comportamento:

  • la canzone di Augustus Gloop, riguardante un ragazzino ingordo che prova a bere dal fiume di cioccolata, ma vi cade dentro e viene risucchiato in un tubo che conduce alla stanza delle caramelle;
  • la canzone di Violetta Beauregarde (Violet Beauregarde in inglese), riguardante un'incallita masticatrice di chewing gum che mangia una gomma sperimentale, il che fa di lei un'enorme bambina-mirtillo;
  • la canzone di Veruca Salt, riguardante una mocciosa viziata che finisce nel tubo dei rifiuti;
  • la canzone di Mike Tivù (Mike Teevee in inglese), riguardante un ragazzino che guarda troppa televisione, il quale viene perciò ridotto all'altezza di un pollice e costretto ad una macchina allungatrice per tornare alla normalità.

Le canzoni del film del 1971 sono completamente diverse da quelle del libro (ognuna inizia col ritornello "Oompa Loompa Doompa Dee Do"); invece, la versione cinematografica del 2005 utilizza i testi originali del libro, tanto che Roald Dahl figura nei titoli come l'autore delle canzoni. Questo vale però per le versioni in inglese del libro e del film: le canzoncine del libro tradotto in italiano e del film doppiato sono infatti differenti.